Palamara e Dintorni

Prima è toccato a Palamara, poi ad Amara. E’ chiaro come il Sole che non occorre un Sondaggio per comprendere che per il Sistema Giudiziario, sino a ieri applaudito, oggi nei Sondaggi  è decisamente in Picchiata. A non avere più Fiducia nella Magistratura è addirittura un Italiano su due. Questo è quanto emerge da un Sondaggio realizzato il 3 Maggio di quest’anno. Alla domanda “Lei ha fiducia nella Magistratura Italiana in questo preciso momento Storico ? Il 50 per cento degli Italiani ha risposto con un semplice “NO”. Mentre l’11 per cento ha preferito non rispondere, forse anche per amor di Patria. Restringendo il campo del Sondaggio a coloro che hanno detto di non aver Fiducia  nella Magistratura, tra le donne la percentuale si attesta al 51 per cento, mentre tra gli uomini è al 50 per cento. I Cittadini con un’età superiore ai 55 anni sono i più scettici, con il 56 per cento, seguiti a ruota dagli italiani con età compresa tra i 35 e i 54 anni, con una percentuale del 54 per cento. Nella fascia di età 18-34 anni i delusi si attestano al 36 per cento. Nord-Ovest e Sud in testa per sfiducia, rispettivamente con il 58 e il 57 per cento.  Seguono il Nord-Est al  44 per cento, il Centro al 43 per cento e le Isole al 42 per cento. E’ di tutta evidenza che a condizionare le risposte contribuiscono soprattutto le vicende degli ultimi tempi. Non a caso il Sondaggio restringe la risposta al preciso momento storico, come se ci fosse un “Prima”  e un “Dopo” . In effetti le rivelazioni di Palamara, ad oggi, i verbali dell’interrogatorio dell’avvocato Amara, Consulente Esterno di E.N.I. ,stanno facendo traballare i Palazzi della Magistratura. Soprattutto quello dei Marescialli, dove a sede il Consiglio Superiore della Magistratura, l’Organo di Autogoverno dei Magistrati. E questo, sul fronte Politico, spiega l’arroccamento Politico nei confronti della Commissione Parlamentare d’Inchiesta, che faccia finalmente luce sull’uso Politico della Giustizia, proposta dal Centrodestra. Ma è proprio esattamente da lì che bisogna cominciare a liberare la Magistratura  da dubbi e sospetti. Una Magistratura che torni ad essere Magistratura, e non quel Cartello di Potere che passi continuamente dal Potere Giuridico  a quello Politico, e viceversa.

Aldo A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi