Gruppo Bilderberg a Madrid…..

Gruppo Bilderberg a Madrid in Spagna

Anche quest’anno e come sempre nel silenzio tombale dei media il Gruppo Bilderberg si è riunito.
Il 70esimo meeting del gruppo mondialista si è tenuto dal 30 maggio al 2 giugno 2024 a Madrid, in Spagna.
Gli ospiti, circa 132 persone scelte tra leader politici, manager di industria, uomini della finanza, del mondo accademico e dei media, hanno occupato per un intero fine settimana l’hotel 5 stelle extralusso Eurostars Suites Mirasierra, per discutere a porte chiuse dell’andamento del mondo.
Gli argomenti chiave della discussione di quest’anno sono stati: sicurezza dell’IA, cambiare i volti della biologia, il clima, il futuro della guerra, il Medio Oriente, la Cina e ovviamente la Russia! Questo è quello che noi comuni mortali sappiamo.
Tra gli italiani figurano: Marco Alverà (Zhero.net, TES), Lorenzo Bini Smaghi (economista e membro della BCE), Michele Della Vigna (EMEA, Goldman Sachs), Giuliano da Empoli (Scrittore e presidente del think tank Volta), Lilli Gruber (giornalista), Mario Monti (prossimo candidato ai vertici della troika europea), Paolo Gentiloni (Commissario europeo).

Avete capito perché la puntata di “Otto e Mezzo” del 30 maggio scorso è stata condotta da Giovanni Floris e non dalla Gruber? Semplice: la rossa plastificata era a Madrid…

Tra gli ospiti stranieri: l’ebreo Albert Bourla (CEO Pfizer), Jens Stoltenberg (Segretario Generale della NATO), Eric Schmidt (ex CEO di Google), Demis Hassabis (CEO, Google DeepMind), Peter Lee (Presidente Microsoft Research) e Mustafa Suleyman (CEO Microsoft AI).
Quest’anno però c’è stata una grande novità! Dal 1954 (primo incontro avvenuto nell’Hotel de Bilderberg in Oosterbeek nei Paesi Bassi) non era mai mancato.
Mi riferisco all’ebreo Henry Kissinger che per fortuna sta scontando tutto quello che ha combinato all’inferno!

 

Elenco completo degli ospiti

Abrams, Stacey (USA), CEO, Sage Works Production
Adeyemo, Adewale (USA), Deputy Secretary, Department of the Treasury
Adlercreutz, Anders (FIN), Minister for European Affairs and Ownership Steering
Albares, José Manuel (ESP), Minister of Foreign Affairs
Altman, Roger C. (USA), Founder and Senior Chair, Evercore Inc.
Alverà, Marco (ITA), Co-Founder, zhero.net; CEO, TES
Amodei, Dario (USA), Co-Founder and CEO, Anthropic PBC
Anderlini, Jamil (DEU/USA), Editor-in-Chief, POLITICO Europe
Appathurai, James (INT), Deputy Assistant Secretary General for Innovation, Hybrid and Cyber, NATO
Applebaum, Anne(USA) , Staff Writer, The Atlantic
Auchincloss, Murray (GBR), CEO, BP plc
Aydin, Mustafa (TUR), Professor of International Relations, Kadir Has University
Barbizet, Patricia (FRA), Chair and CEO, Temaris & Associés SAS
Barroso, José Manuel (PRT), Chair International Advisors, Goldman Sachs International
Baudson, Valérie (FRA), CEO, Amundi SA
Bengio, Yoshua (CAN), Professor in Computer Science and Operations Research, University of Montreal
Bini Smaghi, Lorenzo (ITA), Chair, Societé Générale SA
Botín, Ana P. (ESP), Group Executive Chair, Banco Santander SA
Bourla, Albert (USA), Chair and CEO, Pfizer Inc.
Braathen (NOR), Kjerstin, CEO, DNB ASA
Buschmann, Marco (DEU), Minister of Justice
Calviño, Nadia (INT), PresidentEuropean Investment Bank
Carney, Mark J. (CAN), Chair, Brookfield Asset Management
Carvalho, Charlene de (NLD), Executive Director, Heineken Holding NV
Castries, Henri de (FRA), President, Institut Montaigne
Castro, Ildefonso (ESP), Secretary International Affairs, Partido Popular
Cavoli, Christopher (INT), Supreme Allied Commander Europe
Champagne, François-Philippe (CAN), Minister of Innovation, Science and Industry
Chhabra, Tarun (USA), Senior Director for Technology and National Security, NSC
Chubays, Anatoly B. (RUS/ISR), Visiting Professor, London School of Economics
Corydon, Bjarne (DNK), CEO and Editor-in-Chief, Dagbladet Børsen
Coveney, Simon (IRL), Former Minister for Enterprise, Trade and Employment
Creuheras, José (ESP), Chair, Grupo Planeta and Atresmedia
Cuerpo, Carlos (ESP), Minister of Economy, Commerce and Business
Daurella Comadrán, Sol (ESP), Chair, Coca-Cola Europacific Partners plc
Della Vigna, Michele (ITA), Head, Natural Resources Research EMEA, Goldman Sachs
Domański, Andrzej, (POL) Minister of Finance
Donohoe, Paschal (INT), President, Eurogroup
Döpfner, Mathias (DEU), Chair and CEO, Axel Springer SE
Easterly, Jen (USA), Director, Cybersecurity and Infrastructure Security Agency
Ek, Daniel (SWE), CEO, Spotify SA
Empoli, Giuliano da (ITA), Political Scientist and Writer, Sciences Po
Entrecanales, José M. (ESP), Chair and CEO, Acciona SA
Eriksen, Øyvind (NOR), President and CEO, Aker ASA
Ferguson, Niall (USA), Milbank Family Senior Fellow, Stanford University
Finer, Jonathan (USA), Principal Deputy National Security Advisor
Fontcuberta i Morral, Anna(CHE), Professor of Materials Science and Engineering, EPFL
Fraser, Jane (USA), CEO, Citigroup
Gabuev, Alexander, Director (INT), Carnegie Russia Eurasia Center
Gentiloni, Paolo (INT), European Commissioner for Economy
Gil, Isabel, Rector (PRT), Catholic University of Portugal
Gruber, Lilli (ITA), Editor-in-Chief and Anchor, La7 TV
Gruyter, Caroline de (NLD), European Affairs Correspondent, NRC
Gürsel, Kadri (TUR), Journalist, Medyascope
Halberstadt, Victor (NLD), Professor Em. of Economics, Leiden University
Harrington, Kevin (USA), Managing Director, Thiel Capital LLC
Hassabis, Demis (GBR), CEOGoogle DeepMind
Hedegaard, Connie (DNK), Chair, KR Foundation
Hernández de Cos, Pablo (ESP), Governor, Banco de España
Hobson, Mellody (USA), Co-CEO and President, Ariel Investments LLC
Hoekstra, Wopke (INT), European Commissioner for Climate Action
Johansson, Ylva (INT), European Commissioner for Home Affairs
Kaag, Sigrid (INT), Senior Humanitarian and Reconstruction Coordinator for Gaza, UN
Kadri, Ilham (BEL), CEO, Syensqo
Kalemli-Özcan, Sebnem (TUR), Schreiber Family Professior of Economics Brown University
Kallas, Kaja (EST), Prime Minister
Karp, Alex (USA), CEO, Palantir Technologies Inc.
Kerameus, Niki (GRC), Minister for the Interior
Kieli, Kasia (POL), President and Managing Director, Warner Bros. Discovery EMEA
Koç, Ömer (TUR), Chair, Koç Holding AS
Kotkin, Stephen (USA), Senior Fellow, Hoover Institution, Stanford University
Kravis, Henry R. (USA), Co-Founder and Co-Executive Chair, Kohlberg Kravis Roberts & Co.
Kravis, Marie-Josée (USA), Chair, The Museum of Modern Art
Kudelski, André (CHE), Chair and CEO, Kudelski Group SA
Kuleba, Dmytro (UKR), Minister of Foreign Affairs
Lander, Eric S. (USA), Founding Director, Broad Institute
Lee, Peter (USA), PresidentMicrosoft Research
Leysen, Thomas (BEL), Chairdsm-firmenich AG
Lighthizer, Robert (USA), ChairCenter for American Trade
Liikanen, Erkki (FIN), Chair, IFRS Foundation Trustees
Linde, Ann (SWE), Former Minister for Foreign Affairs
Luckey, Palmer (USA), Founder, Anduril Industries
Meeus, Tom-Jan (NLD), Journalist, NRC
Mensch, Arthur (FRA), Co-Founder and CEO, Mistral AI
Merz, Friedrich (DEU), Leader, CDU
Michel, Charles (INT), President, European Council
Micklethwait, John (USA), Editor-in-Chief, Bloomberg LP
Minton Beddoes, Zanny (GBR), Editor-in-Chief, The Economist
Monti, Mario (ITA), Senator for life
Moreira, Duarte (PRT), Co-Founder and CEO, Zeno Partners
Netherlands, H.M. the King of the (NLD)
O’Leary, Michael (IRL), Group CEO, Ryanair Group
Pannier-Runacher,  Agnès (FRA), State Secretary at Ministry of Agriculture
Papahelas, Alexis (GRC), Executive Editor, Kathimerini Newspaper
Papalexopoulos, Dimitri (GRC), Chair, TITAN Cement Group
Petraeus, David H. (USA), Chair, KKR Global Institute
Philippe, Édouard (FRA), Mayor, Le Havre
Phillips, Richard H. (USA), Office of the Director of National Intelligence
Pind, Søren (DNK), Founder and CEO, Danish Cyber Defence
Pouyanné, Patrick (FRA), Chair and CEO, TotalEnergies SE
Rachman, Gideon (GBR), Chief Foreign Affairs Commentator, Financial Times
Ramírez, Pedro J. (ESP), Director, El Español
Rendi-Wagner, Pamela (AUT), Director Elect, European Centre for Disease Prevention and Control
Ruiz, José Juan (ESP), Chair, Elcano Royal Institute
Rutte, Mark (NLD), Prime Minister
Sawan, Wael (GBR), CEO, Shell plc
Sawers, John (GBR), Executive Chair, Newbridge Advisory Ltd.
Schadlow, Nadia (USA), Senior Fellow, Hudson Institute
Schmidt, Eric E. (USA), Former CEO and Chair, Google
Schmidt, Wolfgang (DEU), Head of the Chancellery, Federal Minister for Special Tasks
Šefčovič, Maroš (INT), European Commissioner Green Deal, Interinstitutional Relations and Foresight
Sewing, Christian (DEU), CEO, Deutsche Bank AG
Sherman, Wendy R. (USA), Former Deputy Secretary of State
Siddall, Evan (CAN), CEO, Alberta Investment Management Corporation
Sikorski, Radoslaw (POL), Minister of Foreign Affairs
Şimşek, Mehmet (TUR), Minister of Finance
Stephens, Bret (USA), Opinion Columnist, New York Times
Stoltenberg, Jens (INT), Secretary General, NATO
Stubb, Alexander (FIN), President of the Republic
Suleyman, Mustafa (GBR), CEO, Microsoft AI
Thiel, Peter (USA), President, Thiel Capital LLC
Varadkar, Leo (IRL), Former Prime Minister
Verhoeven, Karel (BEL), Editor-in-Chief, De Standaard
Wallenberg, Marcus (SWE), Chair, Skandinaviska Enskilda Banken AB
Ward, Jonathan (USA), Senior Fellow, Hudson Institute
Wolf, Martin H. (GBR), Chief Economics Commentator, Financial Times
Wright, Thomas (USA), Senior Director for Strategic Planning, NSC
Yläjärvi, Erja (FIN), Senior Editor-in-Chief, Helsingin Sanomat
Zadrazil, Robert (AUT), Country Manager Austria, UniCredit Group
Zakaria, Fareed (USA), Host, Fareed Zakaria GPS
Zeiler, Gerhard (AUT), President, Warner Bros. Discovery International

 

Continua a leggere Gruppo Bilderberg a Madrid…..

Uova il superfood alla portata di tutti.

Uova il super food alla portata di tutti

Ecco la colazione del super eroe, quella che faccio ogni mattina, sbafandomi due ovetti minimo.
Così dovrebbe presentarsi un uovo come dio comanda, fatto da galline felici alimentate in modo sano: il tuorlo dev’essere di un arancione vivo ricco di sostanze e non giallo pallido!
La cottura migliore è quella che cuoce l’albume e mantiene il tuorlo più crudo. Quindi cottura alla coque, in camicia o all’occhio di bue.

Le uova, come dico spesso, sono un vero e proprio super food in grado di apportare: Vitamine A, B, B2, B3, B6, B7, B12, E, D, K; Potassio, Zinco, Tiamina, Riboflavina, Luteina, Lecitina, Ferro, Acido folico, Acido Pantotenico, Niacina (Vitamina PP), Biotina, Colina, Selenio, Zeaxantina, Fosforo, Acidi grassi Omega-3.
Altro che integratore….

L’albume è proteico e contiene: ovoalbumina, conalbumina, ovoglobuline, ovomucina, avidina e lisozima.
Il tuorlo invece è ricco di acidi grassi insaturi, Omega 6, Omega 3 (EPA e DHA), importantissimi per contrastare le malattie cardiovascolari ed infiammatorie, proprio quelle causate – secondo i preti in camice bianco – dal colesterolo 

Se volete salvarvi la vita, fate il contrario di quello che dice la medicina! Non si sbaglia quasi mai.

Poi c’è il problema dell’ormone maschile per eccellenza: il testosterone!
Fra i tanti motivi del continuo declino dei livelli di questo ormone sessuale negli ultimi decenni, uno è quasi sicuramente il ridotto consumo di uova e colesterolo.

Ricordo infatti che il colesterolo (di cui il tuorlo d’uovo è ricco) è fondamentale per la sintesi di questo ormone. E’ il precursore degli ormoni sessuali (cortisolo, androgeni vari, ecc.).

Negli uomini le cellule di Leydig nei testicoli utilizzano il colesterolo trasportato dal sangue e lo trasformano in testosterone, anche se questo processo diminuisce con il passare dei decenni.

Ma le uova hanno anche altre molecole importanti per la sintesi di questo ormone, come l’acido D-aspartico (uno dei principali regolatori della neurogenesi adulta e svolge un ruolo importante nello sviluppo della funzione endocrina), ed il consumo regolare dei tuorli può certamente aiutare a mantenere una corretta sintesi.

Da notare come il testosterone sia un ormone fondamentale non solo per gli uomini, ed anzi il suo uso terapeutico come terapia ormonale sostitutiva è ben più efficace per le donne, ed enormemente più sicuro, degli estrogeni comunemente usati.
Quindi come mai le donne con problematiche ormonali non consumano più uova? Per la colossale cagata inventata dai medici ancora a metà del secolo scorso, che vedrebbe il colesterolo la causa principale delle malattie cardiovascolari.

Earthing e Grounding

L’uomo si è evoluto a diretto contatto con “papà” Sole e “mamma” Terra.
Siamo infatti sempre stati esposti alla luce naturale camminando scalzi o usando scarpe con la suola di cuoio in grado di condurre l’elettricità! Poi il cosiddetto “benessere” ci ha lentamente allontanati dai nostri primordiali genitori, creando enormi problemi di salute fisici e psichici.
Qualsiasi superficie composta da acqua e minerali è abbastanza conduttiva da consentire agli elettroni di fluire attraverso la pelle per raggiungere le cellule.

Earthing e Grounding (connettersi a terra) permettono di ritornare a equilibrare la carica elettrica del corpo con quella della Terra, avendo ripercussioni positive sulla salute.
La Terra è un enorme serbatoio di elettroni caricati negativamente e senza una corretta connessione a questo serbatoio, le cellule non sono in grado di bilanciare la carica positiva che si traduce in un aumento di radicali liberi.
Con il Grounding si normalizza il cortisolo migliorando il sonno, si calma la mente riducendo le infiammazioni e quindi anche i dolori. Le ferite guariscono più velocemente perché il sangue diventa meno viscoso in quanto le cariche negative degli elettroni riducono l’aggregazione dei globuli rossi.
E’ importantissimo ri-tornare in contatto con la Terra con i piedi nudi!
Gomma, plastica, vernici, materiali sintetici, asfalto derivano dalla petrolchimica e ci disconnettono e isolano dalla superficie terrestre. Ed è esattamente quello che vogliono per farci ammalare!!!
Usiamo materiali naturali come coperte di lana, calzini in fibre naturali e torniamo a contattare la terra, l’erba, le rocce, la sabbia, gli alberi, il mare, i fiumi e i laghi.

Continua a leggere

3 maggio 1992:strage di Capaci.L’inizio della fine……..

3 maggio 1992: Strage di Capaci. L’inizio della fine per questo Paese

In molti ricordano quel sabato maledetto di 32 anni fa: esattamente il 23 maggio 1992 alle ore 17:58.
La vettura su cui viaggiavano Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli uomini della scorta (Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani) saltò in aria uccidendoli tutti.
Una delle stragi di Stato più vergognose nella storia d’Italia.
Mi viene da ridere quando parlano di pista mafiosa, anche se è impossibile separare la mafia dallo Stato, essendo una unica entità!
Ma l’ordine è partito dall’esterno…

È stato l’inizio della fine per questo paese. Dopo circa due mesi infatti è avvenuta l’altra strage in Via D’Amelio dove persero la vita Paolo Borsellino e cinque uomini della scorta.

Il compianto magistrato Paolo Borsellino

Qualche settimana dopo, il mercoledì 16 settembre 1992, passato alla storia come Black Wednesday, il criminale ebreo sionista George Soros e il suo Quantum Fund attaccarono l’Italia speculando contro la lira e causando l’espulsione dallo Sme (Sistema monetario europeo)!

L’ebreo ashkenazita George Soros

Quel giorno il topo-ministro Giuliano Amato, il ministro del Tesoro Piero Barucci, il governatore della Banca d’Italia Carlo Azeglio Ciampi e il direttore generale del Tesoro Mario Draghi (tutti delinquenti ampiamente premiati successivamente) fecero vaporizzare 48 miliardi di riserve della Banca Centrale, per poi alla fine cedere alle pressioni del mercato e svalutare la moneta italiana.

Tutto funzionale poiché dovevano spianare la strada all’operazione Tangentopoli, detta Mani Pulite: quella serie di inchieste della magistratura che tra il 1992 e il 1994 scoperchiò un vasto sistema organizzato di corruzione.
Come se fosse una novità la corruzione nel putrefatto mondo dei politici. Dovevano fare pulizia del vecchio sistema per far posto al nuovo…
All’epoca non c’erano i social ma furono in milioni a seguire in tv i processi dello sbirro Antonio Di Pietro. La “Seconda Repubblica” era matura e doveva nascere sulle ceneri della prima.

Il procuratore Antonio di Pietro durante una delle ultime udienze del 1994

Tutti i politici hanno sempre rubato, ma una volta lasciavano le briciole ai morti di fame dei cittadini, i quali nei decenni dopo la Seconda Guerra mondiale sono riusciti non a caso a mettere via soldini.
Dopo Mani Pulite anche le briciole se le sono spazzolate!!!

L’inchiesta giudiziaria teletrasmessa di Mani Pulite serviva a smuovere l’opinione pubblica che ha iniziato a prendere una posizione contro il vecchio mondo politico, reo di tutto, e a favore della magistratura, vista come i “supereroi che puniscono i cattivi”. Esattamente come le tifoserie. Nel frattempo però stavano minando la base finanziaria, economica e sociale del paese.
In pratica la cosiddetta sinistra italiana doveva iniziare a smantellare l’Italia.

Guarda caso, il cospiratore Romano Prodi dal 1992/1993 ha dato il via alla più grande svendita dei patrimoni e dei gioielli nostrani, regalandoli a gruppi stranieri e al suo amichetto, l’ebreo De Benedetti.

L’ashkenazita Carlo De Bendetti e Romano Prodi

Capitolo iniziale di un crollo progressivo del complesso industriale e il punto di avvio di una crisi profonda del sistema.
Autostrade, Telecom, Alitalia, Iri, Motta, Cirio, Autogrill, Locatelli, Invernizzi, Buitoni, Galbani, Negroni, Ferrarelle, Peroni, Moretti, Fini, Perugina, Mira Lanza e tante altre vennero scippate. Tra il ’93 e il ’94 vennero venduti la SME, le vetrerie Siv dell’Efim, il Nuovo Pignone dell’Eni. Nel 1994 toccò ad Acciai Speciali Terni, 1995 Ilva Laminati Piani Italimpianti; nel 1996 Dalmine
“Smonterò il paese pezzo per pezzo“, disse quel criminale di Prodi il 17 gennaio 1998, e per questi servigi ovviamente ebbe totale copertura mediatica dai giornali degli ebrei ashkenaziti Gianni Agnelli e De Benedetti.
Ecco perché dovevano morire Falcone e Borsellino, avevano scoperto che la mafia non è l’anti-Stato ma ne è parte integrante!!!!

Continua a leggere 3 maggio 1992:strage di Capaci.L’inizio della fine……..

Fegato e metabolismo degli zuccheri.

Fegato e metabolismo degli zuccheri

Il primo segnale del dismetabolismo di carboidrati e lipidi è la steatosi epatica.
Il glucosio che arriva con la dieta nella cellula epatica ha due strade: produrre energia o depositarsi sotto forma di glicogeno.
A digiuno un individuo utilizza circa 200 grammi di zuccheri nelle 24 h e quindi è necessario un apporto di glucosio continuo per garantire ai tessuti l’energia sufficiente.
L’omeostasi del glucosio, cioè la stabilità della sua concentrazione plasmatica, dipende dall’assorbimento intestinale, dall’utilizzazione dei tessuti e dal dispendio energetico.

Tutte queste operazioni passano obbligatoriamente attraverso il fegato.
Tra gli ormoni interessati ci sono l’insulina e il glucagone. L’insulina trasporta il glucosio nelle cellule per dare l’energia immediata, favorire l’accumulo di glucosio e di lipidi nel fegato e nei tessuti adiposi per costituire la riserva energetica, il glucagone scinde il glicogeno epatico e lo trasforma in nuovo glucosio da immettere in circolo, e metabolizza alcuni aminoacidi (i ramificati) sempre per produrre zucchero.
Per questo motivo l’attività fisica di primo mattino a digiuno è importante: consuma lo zucchero proveniente dalle riserve di glicogeno e di lipidi, e quindi non solo favorisce il consumo dei depositi di grasso ma riduce l’accumulo di glicogeno nel fegato prevenendo la steatosi. L’attività invece svolta dopo pranzo smaltisce soltanto il glucosio alimentare lasciando inalterati i depositi.

Il digiuno prolungato e l’esclusione prolungata di carboidrati dalla dieta (regime chetogenico) costringe l’organismo a rimuovere i suoi depositi di glicogeno e/o di lipidi per avere l’energia sufficiente a mantenersi in vita. Il fegato per primo, smaltisce le sue riserve di glicogeno, poi quelle dei trigliceridi accantonati nei tessuti adiposi, per ricavarne i gliceridi (carboidrati) e mantenere la glicemia costante. Lo smaltimento dei grassi produce corpi chetonici che il cervello utilizza per ricavare energia!
Se la quantità di carboidrati apportati con la dieta è eccessiva – e questo è vero per la maggior parte delle persone – il glucosio fa fatica ad entrare nelle cellule e la glicemia sale. L’ingresso nelle cellule infatti, principalmente nell’epatocita, è il frutto di una sequenza di meccanismi complessi che si alternano a seconda delle necessità metaboliche.
Il glucosio deve entrare nel mitocondrio per iniziare la cascata metabolica che porta alla produzione di energia (ciclo di Krebs). Ma per entrare nel mitocondrio lo zucchero deve superare due ostacoli: la membrana cellulare e quella del mitocondrio stesso.

Una proteina presente sulla membrana cellulare fissa il glucosio, poi si ha l’azione di due enzimi endocellulari (chinasi) che captano la molecola di glucosio la ossidano (fosforilazione) e la trasportano fino all’interno del mitocondrio. E’ in questo ultimo passaggio che interviene l’insulina attivando una delle chinasi.
Il glucagone sostiene la glicemia perché favorisce l’aumento del glucosio; questo garantisce che anche a digiuno lo zucchero sia comunque presente e disponibile in circolo.
Ci penserà poi l’insulina a farlo sparire dal sangue facendolo entrare nelle cellule!
Tutta questa perfezione serve a mantenere la glicemia costante. Purtroppo ci sono molti intoppi. L’epatocita è saturo di glucosio e/o di glicogeno e nessun altro zucchero può entrare nella cellula; il glucagone funziona troppo o l’insulina funziona troppo poco, e infine l’eccesso di carboidrati e il consumo energetico basso (poco movimento).
Tutto questo per dire che la nutrizione chetogenica gioca un ruolo fondamentale!

Per fortuna anche la Natura ci viene in aiuto!
I due integratori naturali LIPO SIN (Curcuma, Cannella, Arancio amaro, Zenzero e Pepe nero) e SIN GLUCOL (Berberis, Aglio nero, Cannella, Coenzima Q10, Cardo e Pepe nero) favoriscono proprio lo stimolo metabolico ed il metabolismo di zuccheri e lipidi…

Continua a leggere Fegato e metabolismo degli zuccheri.

Vietato in UE criticare l’immigrazione.

Vietato in UE criticare l’immigrazione

I satanisti della UE vogliono criminalizzare qualunque discorso sull’immigrazione!!!

” ‘ . ‘ “.

Beh, allora chiudete subito il mio sito perché sono reo.
Lo dico da decenni che l’immigrazione è un arma di invasione e distruzione di massa, fondamentale per il Sistema!

L’ONU, governo ombra dei mondialisti, aveva previsto questa politica da molto tempo, per cui nei prossimi decenni continueranno a spingere immense mandrie di disperati dall’Africa verso l’Europa: forza lavoro giovane per lo sviluppo economico e meticciato per affogare l’eccellenza cognitiva occidentale nella sub-umanità africana.
Dall’altra, la popolazione africana sta aumentando a ritmo esponenziale e il continente nero non ha risorse sufficienti a sostenerla (risorse che servono a noi).

Il rimpiazzo migratorio serve a destabilizzare i popoli: annientamento dei salari, aumento della disoccupazione, disintegrazione del tessuto sociale, crescita esponenziale della malavita e del crimine, cancellazione delle diversità, ibridazione dei popoli (meticciato) e mescolamento delle razze.

Qual è lo scopo occulto? Creare una massa informe di individui privi di umanità, senza radici, privi di identità, storia, tradizioni e religione. Subumani fragili nel corpo (perennemente malati) e nella mente (consumatori di droghe fisiche e virtuali), completamente avulsi dall’equilibrio naturale, insomma delle marionette perfette per il regime!
Senza identità semplicemente non si è, si diventa un numero, un codice a barre (ecco il perché della digitalizzazione)…

Storia docet: ogni volta un Impero ha aperto ai popoli sottomessi ha decretato la propria fine. E allora ben venga questa fine!

Continua a leggere Vietato in UE criticare l’immigrazione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi