Loro, i Talebani

Loro, i Talebani, si Vendicano, compiono Esecuzioni a Sangue Freddo, Consolidano il Loro Potere a Kabul. Lei, l’Esponente del Partito Democratico, Parole ne aveva Salutato il Ritorno, resta Saldamente alla sua, di Poltrona. Chiedere la Revoca all’Incarico di Nura Musse Alì dall’Incarico della Commissione Pari Opportunità è il Minimo che si possa chiedere. E’ scandaloso Vedere come la Responsabile della Politica e delle Istituzioni della Regione Toscana, a Conduzione Governatore Giani, si definisca a Favore della Presa del Potere dei Fondamentalisti Islamici. Le sue Parole sono a dir poco Contrarie ai Valori Fondanti della Democrazia e della Libertà, come è stato sottolineato dal Consigliere Regionale Francesco Torselli e dal Consigliere Gabriele Veneri, Componente della Commissione Politiche Europee e Relazioni Internazionali, che a tal Riguardo Presenteranno una Mozione. La Vicenda risulta a dir poco Imbarazzante per il Partito Democratico, che il Giorno dopo le Dichiarazioni della Militante, aveva chiesto che la Stessa si Dimettesse dall’Incarico, ma Senza Esito, rimanendo al Suo Posto. Nulla di Più, Nulla di Meno di quanto è accaduto ai Talebani che si sono ripresi il Territorio. Ma torniamo indietro. Il giorno Dopo l’Intervista N,ura  Musse Alì provò con una Precipitosa Retromarcia, Sostenendo in Consiglio Regionale di Essere stata “Completamente Fraintesa” , e di Considerare Reato Promuovere o Sostenere Moralmente, Moralmente o Materialmente, Organizzazioni di Matrice Integraliste e Criminali. Per poi Affermare di Essere “Completamente Fraintesa” , e di “Considerare Reato Promuovere o Sostenere Moralmente le Organizzazioni che Promuovono l’Integralismo. Con una Lettera alla Commissione Regionale ha Provato a Giustificare sul Quotidiano Il Tirreno l’Intervista rilasciata. Il Resto è Storia Recente, con il Nostro Paese, che viene Quotidianamente Invaso, compreso gli Afghani ,a cui gli “Eroici Italiani” stanno Consegnando le Chiavi di Casa Italia.

Aldo A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.