Il Trattato di Dublino

Pochi documenti hanno influenzato le sorti attuali dell’Italia di quanto non abbia fatto il Trattato di Dublino,di cui però l’italiano medio ha sentito parlare soltanto molto più tardi,quando  ormai era lontana nel tempo e le responsabilità un lontano ricordo difficili da assegnare. Quello che sappiamo di sicuro è che attualmente è in vigore il Dublino Terzo,firmato dal Governo di Enrico Letta,con ministro degli Interni Angelino Alfano  ,ministro degli Esteri Emma Bonino. Un trattato che ribadisce il principio di responsabilità permanente del Paese di primo approdo dei migranti/clandestini,definendolo (loro) una “pietra miliare “. Io,più semplicemente ,la pietra tombale della nostra amata patria. Di suo,di quel governo ,il criterio della tutela dei minori e del ricongiungimento famigliare per stabilire la competenza dei Paesi che devono concedere il diritto di asilo,ovvero la competenza ad accogliere le persone  con la documentazione in regola,ovvero chiaramente identificate dal Paese di primo approdo.Certamente non quello scelto dalle ong che di fatto sono società private.E qui si palesa la colpa dei governi italiani che hanno dato la priorità al “salvataggio” a discapito della verifica documentale nel Paese di provenienza del clandestino/migrante,ovvero nei centri di detenzione,veri e propri carceri,come fanno i francesi. Ma il difficile è proprio risalire alla responsabilità di primo approdo.E qui inizia il voluto caos. La Grecia venne autorizzata dalla UE,sotto dettatura tedesca,a rispedire gli irregolari in Turchia,pagandola miliardi di euro di euro  contribuenti per tenerseli. La Spagna inizia a riceverli quando Minniti fa l’accordo con i libici,pagandoli a peso d’oro,con il ricatto di riceverli successivamente con i barchini o con le ong. Il Trattato di Dublino III è stato firmato nel 2013 perché quello precedente aveva una scadenza come il latte,ma più lunga:dieci anni. Il Dublino II era stato firmato nel 2003 dal Governo Berlusconi,con ministro degli Interni Giuseppe Pisanu e quello degli Esteri Gianfranco Fini,e si basava su un documento,che non era un trattato,la Convenzione di Dublino. A questa convenzione,a questo trattato,il governo di centrodestra aveva aggiunto l’obbligo di prendere le impronte digitali. Adesso può sembrare una ovvietà ma allora furono forti le polemiche dei garantisti  alla Bonino ,per i quali era una discriminazione,e non una sicurezza,prendere le impronte digitali,ottenendo così l’emersione delle identità multiple dei cittadini italia e,soprattutto,stranieri. Ma il principio che lega per sempre il clandestino/migrante al Paese di primo approdo non  nasce nel 2003 ,risale al primo settembre del 1997,quando entro in vigore l’originaria Convenzione di Dublino. Quell’anno in Italia era giunta un’ondata di clandestini/migranti albanesi,scatenata non dalla fame ma dallo scandalo finanziario delle “piramidi” ,che per la prima volta non venne respinta dal Governo dell’epoca,il Prodi primo,con ministro degli Interni Giorgio Napolitano e ministro degli Esteri Lamberto Dini,ma sostanzialmente lasciata sulle spalle e nel portafoglio della Caritas. Dunque la Convenzione che entro in vigore nel 1997 era stata originariamente firmata nel lontano 1990,quando era al potere l’ultimo Governo di Giulio Andreotti,il sesto per il divino,con Gianni De Michelis agli Esteri (PSI) e agli Interni Vincenzo Scotti (DC). Quella prima convenzione di Dublino stabiliva una serie di criteri per l’assegnazione ai vari Paesi dei richiedenti asilo,in possesso di documenti validi.In un altro scriveva di cosa farne degli irregolari : ” art. 6 .Se il richiedente asilo ha varcato irregolarmente,per via terrestre,marittima o aerea,in provenienza da uno stato non membro delle Comunità Europee,la frontiera di uno Stato membro,e se il suo ingresso attraverso detta frontiera può essere provato,l’esame della domanda di asiloè di competenza di quest’ultimo Stato membro”.

All’epoca era una norma di semplice buon senso,c’erano le frontiere anche all’interno dell’Europa,figuriamoci se si poteva entrare tranquillamente dall’esterno. Tanto è vero che proprio quel governo dispose un ponte aereo che in una sola notte riporto in Albania 17.467 albanesi arrivati in Puglia sei giorni prima,con l’impiego di tremila uomini e l’intera 46^Aerobrigata,in tandem con l’Alitalia. Una domanda: cosa c’è di diverso da allora ? A voi la risposta.

Aldo A.

17 commenti su “Il Trattato di Dublino”

  1. Preparatevi ad una invasione : I libici hanno intenzione di chiudere tutti i centri di detenzione. Indovinate dove cercheranno di arrivare ?

    1. perchè a Salvini va bene così,ha ragione,purtroppo gentiloni,il che è tutto dire,tutto questo va bene per far propaganda,se ci fosse veramente la volontà di finirla sarebbe successo molto,molto tempo fa.Mandare un paio di navi da guerra leggere e ostacolare l’accesso nelle acque italiane,oppure far entrare le navi,sbarcare e per decreto,senza giudici di mezzo,affondarle.Poi gli sbarcati riportarli subito in Libia con accordi.QUESTO VORREBBE DIRE CHE IL LAVORO CHE LE ONG FANNO ANDREBBE SUBITO VANIFICATO!!E ANCHE IN PERDITA(DELLE NAVI).USANDO TUTTE LE FURBIZIE POSSIBILI.Il metodo dei tedeschi,quello di portare i falsimigranti sedati l’avevo già in mente io.Riunirli in campi poi addormentarli con gas e caricarli sugli stessi barconi con motori nuovi e uno scafista seguiti da una motovedetta.A pensarci poi ne verrebbero fuori altri di metodi,questi bastano.UN ALTRO PUNTO E’ QUELLO DI FREGARSENE DEI TRATTATI INTERNAZIONALI,PER DIFENDERE I MIEI CONFINI NON C’E’NIENTE CHE TENGA.ECC.ECCE.ECC.

  2. Piero questa classe politica di inetti sta giocando con il futuro di tanti nostri giovani che saranno costretti ad emigrare oppure a diventare ospiti in casa propria. Per loro devi andare avanti in questo progetto che io considero l’ultimo cha abbiamo a disposizione prima del game over finale.

    1. io andrei avanti di sicuro perchè vedo che siamo in mano a dei miserabili buffoni,il problema è sempre lo stesso,dobbiamo affidarci al web altrimenti non ce la facciamo,è impossibile andare in giro per l’Italia come fa Salvini,oltretutto lui ha un lungo passato politico.Ma nel web c’è qualcuno che ci aiuta?Qualora ci fosse deve battere un colpo!!!.A me non interessano ne poltrona ne soldi e per questo l’impegno è solo per gli italiani,quelli veri prima di tutti.Per questo,ad esempio,non la continuerei la telenovela che sta conducendo Salvini con le ong.FINITA SUBITO E CHISSENEFREGA DEI TRATTATI,DEVO FARE TUTTI GLI INTERESSI DEGLI ITALIANI,non dimentichiamo i 5 milioni di poveri!!!Come avrai capito,TUTTO QUELLO CHE CI SARA’ DA FARE LO FARO’, sarà per la soluzione di tutti i problemi italiani,quindi per delle esigenze non procrastrinabili! ECC.ECC.ECC.

  3. Ministro Salvini adesso basta: Se non sei capace di fare atti concreti puoi anche dimetterti e lasciare a qualcun’altro la sedia di ministro degli Interni. Meno uccellini del web e più soldati per bloccare i clandestini via terra o via mare. Se necessario sparate.E comunque sequestro della imbarcazione,dei beni.Un’idea ? La lotteria del clandestino. Viene sorteggiato il Paese fortunato che li accoglierà.E comunque i Paesi che non hanno accolto faranno il recupero. Lo stato di appartenenza dell’imbarcazione dovrà moltiplicare per 50 La prima volta,100 la seconda,200 la terza e così via. Controllo a campione,1 ogni 2 alle frontiere.Tutto quello che possa rompere… E vediamo se…

  4. Salvini chiacchierone,onnipresente a parole,se non hai il coraggio di portare avanti concretamente quanto promesso contro l’immigrazione clandestina,almeno dimettiti per tornare al voto e darci la possibilità di tornare al voto e mettere al tuo posto uno con più coraggio. Meglio se Piero. SALVINI: O CORAGGIO O DIMISSIONI!!!

    1. come tante volte ho scritto,è troppo ingenuo che non sa usare i poteri che ha.Anche con i grillini di mezzo può lo stesso fare quello che vuole,sono troppo stupidi. Salvini ha dalla sua parte anche le forze dell’ordine,cosa aspetta a utilizzarle?Potrebbe fare un milione di cose anche ad uso personale ma non le sa fare.Non ha neanche letto Macchiavelli.Ma tu pensi che fossimo stati noi lì,senza fini strettamente politici ci sarebbero tante situazioni come le stiamo vivendo ora?Neanche per sogno!!!LEGGI E REGOLE PRECISE NON INTERPRETABILI PRIMA DI TUTTO E NON TIRAR DENTRO I GIUDICI O ALMENO IL MENO POSSIBILE.
      Tu pensi che anche a livello internazionale saremmo stati un’italietta come questa?Guai a chi osava deriderci!!Poi tante,tante altre cose ma molto,molto meglio di adesso.ECC.ECC.ECC.

    1. allora, una profezia di Malachia dice che dopo l’ultimo papa nero ci saranno disastri o peggio.Come sai bergoglio è gesuita e il colore della corporazione è il nero.Si aspettava il papa nero di carnagione invece non è così.Vedremo.Tutto quello che ha e racconta la “chiesa”sono tutte fandonie,dall’inizio e avanti con la sua storia.VERAMENTE LA RELIGIONE,IO DICO SOPRATTUTTO CRISTIANA,E’L’OPPIO DI QUESTI POPOLI.Di religioni nel mondo ce ne sono a migliaia,guardando il nostro caso non possiamo esserne contenti,la paura della morte ha fatto la fortuna del cristianesimo ma la vera chiesa l’abbiamo dentro di noi non nelle ricchezze dei preti e delle loro croci d’oro massiccio.Ci sarebbero tante cose da dire….

  5. Gli olandesi vogliono accogliere i migranti /clandestini ma poi ce li scaricano a noi. L’Italia UNICA discarica di clandestini d’Europa ? Parrebbe di si. ITALIANI RIALZATE LA TESTA!!!

  6. Mettiamola sui sondaggi: Lega e FdI insieme nei sondaggi sono al 46-48%,con la tendenza in crescita. E tutto grazie alle ONG che continuano a traghettare nuovi schiavi e finti profughi. Il tutto per far abbassare la testa ai nostri lavoratori,ai nostri giovani. Considerato come siete silenti, la prospettiva sembra piacere.

  7. Il sindaco di Napoli,e magistrato prestato alla politica,sta organizzando una flottiglia di barche per andare per mare a raccogliere clandestini e potenziali terroristi. Evidentemente per lui a Napoli non si vive in una perenne emergenza sicurezza. Oppure e’ l’esatto contrario. Si vuole tanti schiavi a basso costo. La magistratura politicizzata quale scopo ultimo vuole raggiungere? A voi la risposta.

  8. Da noi,quando entrano,non se ne vanno più via. La Francia e la Spagna,senZa tanti proclami, sono i Paesi che più.espellono REALMENTE di più e per davvero.La sinistra ha spalancato il portone, il M5S e la Lega non lo hanno neanche socchiuso, figuriamoci se lo chiudono. LA COLpA E’ NOSTRA,POPOLO SENZA CORAGGIO NE DIGNITÀ!!!

  9. 3/4 degli italiani vogliono tornare ad essere Stato sovrano,1/4 no. Ma a decidere e’ la UE e quindi quel quarto che ora sta con chi ci vuole sottomessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.