Smaltiamo soldi ?

L’Azienda Municipalizzata dei Rifiuti di Roma non è in grado di Avviare una Politica di Economia Circolare. L’Azienda non è in grado di Avviare una Politica di Economia Circolare. L’Azienda deve mettere mano, e stavolta seriamente, ad una Politica di Economia Circolare, ma stavolta dovrà essere fatta in Modo Serio. Un’Emergenza che smentisce clamorosamente il Ministro Gualtieri, quella di Ripulire, ma questa in modo serio. L’Unica cosa che il Sindaco è riuscito a fare è quello di Premiare gli Operatori Ecologici dell’Azienda, che poi di fatto è una Vergogna Nazionale, se non Internazionale. Legambiente mette mette il Dito su una Piaga, che di fatto è stata Creata, Costruita, dai Governi  di Centrosinistra, che negli anni ’90 fecero un Patto non scritto con Cerroni, Proprietario della Discarica di Malagrotta, che Garantivano costi di Conferimento molto Bassi, dovuto ad un accordo sottobanco, con il quale il Comune di Roma non avrebbe Costruito Impianti di Smaltimento, a fronte di un Accordo di Conferimento molto bassi, 50Smaltiment euro per tonnellata, purché non costruissero Impianti Idonei per un Corretto   Smaltimento.  Un cappio al collo per la Cittadinanza e per l’Ambiente. E’ stato Aperto in queste settimane il Bando del Ministero dell’Ambiente, per spendere 1,5 miliardi di euro per il PNRR, affinché l’Azienda Municipalizzata di Roma abbia le Risorse del citato Piano. Da qui ad un anno si dovranno togliere dalle strade i Cassonetti, per poi passare alla Differenziata a Domicilio, tornando indietro sulla Decisione della Sindaca Raggi, con uno spreco di Risorse Economiche per la Collettività.

Aldo A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.