Netflix getta la maschera….

Netflix getta la maschera…

Marcello Pamio

Netflix nasce a Los Gatos in California nel 1997 grazie ai suoi creatori Reed Hastings e Marc Randolph, inizialmente come servizio per il noleggio di DVD, VHS e videogiochi tramite posta.
Nel 2005 spediva un milione di DVD al giorno e dopo soli 4 anni aveva in catalogo 100.000 titoli e 10 milioni di abbonati.
Dopo aver spedito il miliardesimo DVD negli Stati Uniti, a febbraio 2007 Netflix decide di dare una svolta e passare dal semplice noleggio di film ad una piattaforma per lo streaming video con la stessa modalità. Una vera e propria rivoluzione.

Interessante da sapere che Marc Randolph dal 2007 al 2012 entra a parte del consiglio di amministrazione della Microsoft e da giugno 2011 in quello di Facebook…
Oggi fattura la bellezza di 20 miliardi di dollari all’anno e ha 183 milioni di abbonati nel mondo.

Siamo di fronte al miracolo economico di una start-up diventata miliardaria in pochi anni, oppure abbiamo a che fare con una insidiosa etichetta “indipendente”, mirabilmente creata ad arte dal Sistema come testa di ariete per sfondare l’inconscio collettivo e far penetrare tematiche devianti e utili per il controllo sociale e antropologico? Netflix è come Hollywood un’altra Finestra di Overton cinematografica?

Pesanti accuse
Il senatore del Texas Ted Cruz ha chiesto al Dipartimento di Giustizia di indagare Netflix per il film “Cuties” e determinare se si tratta di pornografia infantile.
Il senatore repubblicano e molti altri legislatori federali sono sconvolti dal fatto che Netflix abbia trasmesso in streaming il controverso film. L’accusa è pesantissima: la commedia sessualizza i bambini facendo appello alla pedofilia!
Il pratica secondo “il film feticizza e sessualizza queste ragazze pre-adolescenti mentre eseguono balli che simulano gli atteggiamenti sessuali, inclusa una scena con nudità parziale di bambini”, ha scritto Cruz in una lettera al Procuratore Generale William Barr.

Nel film il personaggio principale Amy finisce per unirsi a una cricca di ragazzine che si definiscono “Cuties” e che si esibiscono svestite in numeri di danza altamente provocatoria ed erotizzante. Nella sceneggiatura Amy lo farebbe come atto di ribellione nei confronti dei genitori conservatori musulmani, ma è proprio questo l’intento?
Anche se Netflix si è difesa dichiarando che “non c’è nudità minorile nel film”, la pellicola ha scatenato una petizione online di protesta.
Il senatore Gabbard lo ha ha definito come “pornografia infantile” in grado di “stuzzicare l’appetito dei pedofili”, e aiuterà “ad alimentare il traffico di bambini a fini sessuali”.

Il Primo Emendamento statunitense difende l’espressione artistica, ma non consente a società di lucro di produrre o distribuire materiale pedopornografico. Ora deciderà il Dipartimento della Giustizia, anche se come ben sappiamo storie simili finiscono nel dimenticatoio…

Conclusione
Una cosa è certa: Netflix porta nel piccolo e nel grande schermo tematiche molto devianti come transumanesimo, postumano, pedofilia, utero in affitto, ideologia di genere, ecc.
L’elenco dei titoli a catalogo sarebbe troppo lungo da poter descrivere in questa sede, ma basta sapere dell’emblematica serie tv “Jeffrey Epstein: filthy rich” dedicata al miliardario pedofilo…
D’altronde l’orientamento progressista dell’etichetta non è un mistero per nessuno, e ricordiamo come in occasione del Milano Pride del 2018, Netflix sia stato lo sponsor ufficiale contribuendo ad allestire con i colori arcobaleno sia la stazione della metropolitana, sia i bastioni di Porta Venezia.
Più chiaro (o colorato) di così…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.