Alziamo la testa…..

Alziamo la testa e usciamo dallo Show!!!

Stiamo vivendo un momento storico unico nel suo genere. Mai prima d’ora infatti l’umanità è stata così a rischio di estinzione, e non c’entra l’asteroide o lo sbarco degli Annunaki dal Decimo Pianeta.
Ogni libertà individuale e ogni diritto stanno per essere azzerati da un virus influenzale.

Un virus così letale che per trovarlo devono fare milioni di tamponi ogni giorno a persone sanissime senza sintomi. Un virus che ha invertito l’andamento delle malattie: ieri era il malato che andava dal medico, oggi sono i medici che vanno a caccia dei malati! Follia allo stato puro.

Tutto ruota attorno al tampone. Dopo aver creato una psico-pandemia mediatica e inoculato nelle masse non-senzienti il virus della paura, sono riusciti a far credere che il test è in grado di stanare i contagiosi. Tutti allora felici e orgogliosi in coda per ore, bambini inclusi, al drive-in per guardarsi The Truman Show, senza rendersi conto che sono proprio loro gli attori non protagonisti della sceneggiata.

Il tampone è la guest star indiscussa, perché come ripeto dai primi mesi dell’anno, serve solo a gonfiare i numeri con i falsi positivi così da giustificare la dittatura!
Per completare il quadretto non potevano mancare i testimonial d’eccezione.
In tv infatti le star e i personaggi famosi stanno facendo a gara per raccontare ai sudditi sbigottiti con la bocca spalancata, la dolorosissima esperienza della positività al Covid.

Abbiamo visto alternarsi personaggi come Nicola Zingaretti, Silvio Berlusconi, Gabriele Salvatores, Rocco Siffredi, Cristiano Ronaldo, Federica Pellegrini, Valentino Rossi, Nicola Porro, Piero Chiambretti, Alba Parietti, Fabrizio Corona, Flavio Briatore, Gerry Scotti, Carlo Conti, Fiordaliso, Madonna, Andrea Bocelli, Ornella Vanoni, Aida Yespica, ecc.

La sub-umanità ha sofferto e pianto con loro, perché le testimonianze hanno toccato le corde più profonde dell’animo umano. Addirittura c’è chi miracolosamente è riuscito a scrivere la sua sofferenza direttamente dalla terapia intensiva, come Massimo Giannini il direttore de La Stampa. Come abbia fatto rimane uno dei tanti misteri del SARS-CoV-2, un “virus infido”, come lo ha giustamente definito il grande e soprattutto libero giornalista Giannini.

Sono tutti testimonial e quindi il loro lavoro è appunto testimoniare facendo passare il messaggio del pensiero unico. Il messaggio perfettamente incorporato dai sudditi è che il virus è infido e colpisce tutti, indistintamente dalla fama e dal conto corrente.
Peccato che nessuno abbia colto l’unica cosa che c’era da cogliere: nessuno dei personaggi famosi è morto! Non è un po’ strano, visto che ci martellano quotidianamente sui morti per Covid?

Se si tratta di un virus letale, come mai di tutti i numerosi personaggi famosi, anche molto anziani e debilitati come Berlusconi (rimasto solo 12 giorni in ospedale) nessuno è deceduto?
Il virus forse risparmia i volti noti e ricchi e uccide gli sconosciuti morti di fame?
Siamo arrivati al punto di svolta epocale: alziamo la testa ora, buttiamo nel cesso il copione scritto da altri, e ci riprendiamo in mano la nostra vita, facendo rispettare tutti i diritti inviolabili, oppure queste menti criminali ci condurranno al macello. A noi la decisione.

Dopo aver fatto spendere ai ristoratori soldi per le ridicole norme anti-Covid, ora li fanno chiudere.
Spero sia chiaro a tutti che questo pseudogoverno eterodiretto vuole una ecatombe economica in Italia, perché se non si fosse capito a breve chiuderanno centinaia di migliaia di attività commerciali e non riapriranno mai più. Ovviamente sono agnelli sacrificati sull’altare della sicurezza nazionale…

Quindi cosa possiamo fare? Usciamo di casa a testa alta, perché abbiamo il diritto di farlo: siamo esseri umani e non schiavi decerebrati. Siamo persone sane e pensanti, non contagiosi come dice la becera propaganda mediatica. Cerchiamo di mantenere una vita sana e “normale” aiutando economicamente proprio quelle realtà soffocate e in difficoltà, come appunto i locali ma anche i centri culturali, le associazioni, ecc. Se non lo facciamo e rimaniamo sigillati in casa per paura (ricordo che l’ultimo Dpcm NON vieta le uscite, le sconsiglia soltanto) daremo un chiaro segnale di sudditanza al Sistema, il quale si sentirà forte nel continuare la devastazione…

Facciamo rispettare i nostri sacrosanti diritti, ora o mai più!

Continua a leggere Alziamo la testa…..

INVENTANO LA SECONDA ONDATA….

Inventano la “seconda ondata” positivizzando i sani

Marcello Pamio

Ecco i dati ufficiali al 25 ottobre 2020

– 525.782 contagiati totali
– 266.203 dimissioni/guarigioni
– 37.338 deceduti
– 222.241 infezioni in corso
– Elaborati 161.880 tamponi con 21.273 positivi
– Ricoverati con sintomi 12.006
– Terapie intensive 1.208.

Se togliamo dal totale 525.782 le persone guarite (266.203) e quelle decedute (37.338) otteniamo il numero di persone ancora contagiate: 222.241.
In Italia quindi ci sono 222.241 persone “contagiate”, di cui 12.600 ricoverati con sintomi e 1.208 in terapia intensiva.
Se dai 222.241 “contagiati” togliamo quelli con sintomi e quelli in terapia intensiva, viene fuori che 211.033 persone sono “asintomatiche” o con banalissimi sintomi (influenzali) che non necessitano di alcun ricovero.

Questo significa una cosa:
la percentuale di asintomatici è del 95%!

Ricordiamo che il 25 marzo scorso le autorità hanno eseguito 22.701 tamponi riscontrando 5.210 positivi. Ieri 25 ottobre, esattamente sette mesi dopo, hanno elaborato 161.880 tamponi (con un aumento del 600%) riscontrando 21.273 “positivi” (con un aumento del 320% circa).

Il risultato finale indica chiaramente che stanno inventando la seconda ondata grazie a centinaia di migliaia di tamponi giornalieri per scovare gli asintomatici, cioè “positivizzare i sani” e avere i numeri fittizi per mantenere l’emergenza e distruggere economicamente il paese!

E’ così difficile da capire che stiamo vivendo una emergenza illusoria?

Dati ufficiali https://lab24.ilsole24ore.com/coronavirus/

Continua a leggere INVENTANO LA SECONDA ONDATA….

Sim sala bim e l’influenza sparisce.

Sim sala bim e l’influenza magicamente sparisce!

Influenza, periodo di rilevamento (1-42 settimane) anno 2020

Marcello Pamio
I media e le autorità ci stanno dicendo all’unisono che l’influenza stagionale è completamente SPARITA dalla faccia della terra. Possiamo quindi brindare con lo spumante per la stupenda notizia, se siete però riusciti ad accaparrarvi una bottiglia prima della chiusura dei reparti alcolici nei supermercati. Il merito ovviamente va alle procedure di sicurezza anti-covid messe in atto dai bravi e responsabili cittadini dell’Impero. Un plauso quindi alle autorità!
I periodi di rilevamento del “Sistema di sorveglianza globale – Influenza” impostati sono limitati alla 42ma settimana, cioè da gennaio 2020 a circa metà ottobre.
Osservando il grafico sopra sembra effettivamente così: in pratica dalla 14ma – 15ma settimana di quest’anno, cioè dalla seconda/terza settimana di aprile 2020, gli agenti influenzali hanno deciso di cambiare pianeta! Come dare torto ai virus se hanno optato per un nuovo globo terracqueo, si sono accorti perfino loro che il QI medio degli umani sta scivolando verso valori a due cifre…

Medesimo periodo di rilevamento (1-42 settimane) nell’anno 2019

Naturalmente è tutto un immenso bluff e non corrisponde affatto alla realtà delle cose, ma anzi dimostra ancora una volta la falsità dei dati ufficiali, le menzogne degli enti sovranazionali e la farsa che ci impongono di vivere.
La spiegazione logica di un simile andamento forse risiede nel fatto che da svariati mesi qualunque sintomatologia influenzale e/o parainfluenzale (per non dire anche i morti per cancro e/o malattie cardiovascolari e/o dismetaboliche, ecc.) viene etichettata come COVID-19.
Non c’entrano nulla le mascherine, i disinfettanti e i vari distanziamenti, qui siamo di fronte ad una semplice ma efficacissima tecnica di marketing che si chiama re-branding.
Fare rebranding infatti vuol dire dare vita a una nuova identità (nome, dati e numeri) che possa orientare la comunicazione di un marchio (o di una situazione) verso una direzione desiderata…
Hanno manipolato i dati affinché la gente pensi che la strada intrapresa e le norme anti-COVID sono quelle giuste.

Link al sito dell’OMS https://www.who.int/influenza/gisrs_laboratory/updates/summaryreport/en/Apre in una nuova finestra

Qui sotto i due grafici: stagione 2018/2019 e 2019/2020 a confronto

Continua a leggere Sim sala bim e l’influenza sparisce.

I DATI UFFICILAI CONFERMANO LA PRESA PER IL CULO.

I dati ufficiali confermano la presa per il culo!

Marcello Pamio

Molti sono dell’idea che la vita sia un film, un bellissimo lungometraggio la cui trama viene decisa giornalmente da ognuno di noi. Stupenda visione che è tanto vera quanto più ci si riferisce a persone coscienti e pensanti, ma quando si ha a che fare con esseri privati dell’intelletto allora le cose stanno diversamente. Il film infatti che il Sistema sta proiettando dentro la coscienza di tanti esseri umani è un vero e proprio fantahorror! Milioni di persone che non vivono ma vengono vissute e non pensano perché vengono pensate da qualcun altro…

I registi e gli sceneggiatori ovviamente non sono i pagliaccetti e le marionette che si alternano nei parlamenti, perché i veri burattinai sono sempre ben nascosti nell’ombra dietro le quinte, e manovrando a distanza la politica, le forze dell’ordine e i media, legiferano, bloccano e controllano le masse. Un meccanismo perfettamente oliato.
Dopo aver segregato in casa la popolazione per mesi e devastato l’economia nazionale non possono certo mollare la presa, e infatti nonostante i numeri parlino chiaro (non esiste alcuna emergenza perché non si muore più come prima e soprattutto le cure sono note) i sudditi con l’anello al naso continuano a fare quello che vien loro detto perché trasudano paura da ogni cellula.
Sono in totale dissonanza cognitiva per cui gli emisferi cerebrali non comunicando correttamente, impediscono alla maggior parte delle persone di vedere il film. In effetti basterebbe leggere attentamente i loro dati ufficiali che confermano in pieno la gigantesca presa per il culo.

Dati aggiornati al 18 ottobre 2020
Ieri sono stati eseguiti 146.541 tamponi che hanno evidenziato 11.705 positivi, mentre il giorno prima ne sono stati fatti 165.237 con un riscontro di 10.900 positivi.
Il rapporto positivi/tamponi viaggia da un 6,58% ad un 7,98%, cioè ogni 100 tamponi da 6 a 8 persone risulteranno positive.
La spietata e ferrea logica è banale: più test fanno e più troveranno positivi! Ma questi positivi sono persone realmente ammalate, contagiate o contagiose come continuano a martellare scandalosamente i media mainstream? Assolutamente no, sono persone nella quasi totalità dei casi asintomatiche, cioè oggettivamente sane senza alcun sintomo e non possono infettare nessuno!

La conferma arriva dai numeri dei ricoveri in terapia intensiva e degli isolamenti a casa.

  • Numero in terapia intensiva: 750 (pari al 0,59%)
  • Isolamento ai domiciliari: 118.356 pari (al 93,76%)
  • Numero dei ricoverati con sintomi: 7.131 (pari al 5,65%)

Quindi il 94% delle persone risultate positive ad un tampone sono comodamente a casa perché totalmente asintomatici o nella peggiore delle ipotesi con banali sintomi influenzali e/o da raffreddamento, cosa normalissima in questo periodo.

L’altro dato interessante sono le fasce di età più colpite (dati aggiornati al 13 ottobre 2020).

  • Da 60-69 anni: 8,6%
  • Da 70-79 anni: 23,3%
  • Da 80-89 anni: 32,2%
  • Da > 90 anni: 32,3%

Il tasso di letalità è esattamente il medesimo dell’inizio di questa situazione emergenziale: più alto tra le persone anziane. Dai 70 anni in su infatti la mortalità è quasi del 88%.
Le persone che muoiono in questo periodo sono quelle con la salute più cagionevole, con patologie pregresse e con terapie farmacologiche già in corso.
E’ così difficile da comprendere il giochetto?

Hanno aumentato i test (fatti non a caso anche preventivamente a scuola) arrivando a centinaia di migliaia ogni santo giorno con lo scopo di far aumentare i casi “positivi” (asintomatici) così da giustificare le assurde norme, i decreti illegittimi di un governo oramai allo sbando.
Ma sapete qual è il vero problema? Non tanto che ci siano dei delinquenti patentati che mettono in atto un piano diabolico ben preciso, ma la gente che ancora crede alle loro narrazioni, alle favolette, e purtroppo alle ricette!
Tante persone accettano supinamente delle folli restrizioni che colpiscono guarda caso le attività commerciali (chiusura contingentata e non più di 6 persone al tavolo in ristoranti, bar, pub, ecc.), le scuole (bambini che non possono toccarsi con mascherina in classe, disinfettanti tossici e tamponi farlocchi preventivi, ecc.), palestre, centri culturali, fiere, sagre, sport a contatto dilettantistico, ecc.

Fortuna vuole che i calciatori miliardari possano tranquillamente giocare, abbracciarsi e perfino baciarsi perché il virus contagia solo gli sport dilettantistici! Quando si dice il caso…

Roma’s Edin Dzeko (L) celebrates withhis  teammates after scoring the 2-1 lead during the Serie A soccer match between AS Roma and Benevento Calcio at the Olimpico stadium in Rome, Italy, 18 October 2020. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Oltre all’economica hanno congelato – anche questo non a caso – il divertimento e lo svago dei giovani, la cosiddetta “Movida”. Peccato che il termine Movida originariamente indicava l’importante movimento sociale/artistico diffuso in Spagna dopo la caduta della dittatura franchista, utilizzato successivamente per l’animazione e il “divertimento”. Oggi questo importante movimento di coscienze lo hanno trasformato in un termine dispregiativo: una serata col fine ultimo di sballarsi. Ovviamente il Sistema non poteva dire alla plebe che per meglio controllare la popolazione dovevano bloccare il contatto, le relazioni e il divertimento.

Come cresceranno infatti le nuove leve (bambini e giovani uomini) in una società deprivata totalmente del contatto e delle relazioni sociali?
Ci hanno accompagnato a manina nella “guerra santa dei pezzenti”, come la chiama magistralmente Francesco Guccini nella stupenda canzone “La locomotiva”.
Il “Divide et Impera” è sotto gli occhi di tutti i risvegliati: una triste guerra dei poveri dove mamme attaccano altre mamme (Lorenzin docet) e bambini attaccano altri bambini. Sta diventano “normale” e “spontaneo” guardare l’altro come un nemico o un pericolo (Ha la mascherina? Ha fatto il vaccino? Quanti sono in quel tavolo? Ecc.) e controllarsi a vicenda.

Continua a leggere I DATI UFFICILAI CONFERMANO LA PRESA PER IL CULO.

Scenario “mondo in catene”.

 

Scenario “mondo in catene”: un futuro governato da uno stato totalitario
AutoremarceellopamioPubblicato17 Ottobre 2020
FacebookApre in una nuova finestraWhatsAppApre in una nuova finestraTwitterApre in una nuova finestraShare

Marcello Pamio

Cosa servirebbe per far sì che un governo totalitario globale salisse al potere indefinitamente? Continua a leggere Scenario “mondo in catene”.

obama,clinton,biden mandanti…..

Obama, Clinton e Biden mandanti dell’assassinio del Team Seals 6?

Joe Biden, Barack Obama e Hillary Clinton

Molti ricorderanno le toccanti parole del presidente americano Barack Obama, quando disse al mondo: “questo è un buon giorno per l’America. Il nostro paese ha mantenuto il suo impegno affinché fosse fatta giustizia. Il mondo è più al sicuro, è un posto migliore dopo la morte di Osama bin Laden”. Tutti sappiamo che il mondo è diventato un posto migliore, vero?

Eravamo nel 2011, in un momento storico delicatissimo con una guerra illegittima in Libia e un disastro nucleare senza precedenti a Fukushima, e magicamente dal cilindro spunta una bella notizia: la morte del miliardario saudita!
Secondo l’amministrazione statunitense bin Laden il 2 maggio 2011 sarebbe stato individuato in una villa da un milione di dollari a circa 60 chilometri a nord di Islamabad, e dopo ben 40 minuti di combattimenti sarebbe stato ucciso dai militari, un commando di incursori della Marina, i famosi Navy Seals, chiamati Seals Team 6, che si sarebbero calati dagli elicotteri sopra il tetto della casa nella capitale del Pakistan.

Seals Team Six

Già questo assomiglia alla trama di un film hollywoodiano, ma la cosa ancor più fantasiosa è stata la sepoltura di bin Laden secondo il rito islamico, il terrorista infatti sarebbe stato sepolto in mare gettato dal ponte di una portaerei americana nel nord del mar Arabico dopo essere stato lavato secondo i costumi islamici ed aver ricevuto un funerale religioso.
Neppure Stanley Kubrick avrebbe avuto una tale fervida immaginazione.
Il corpo di bin Laden è stato lavato e avvolto in un lenzuolo bianco e poi un ufficiale ha letto un testo religioso tradotto in arabo da un interprete. Dopo la lettura, il feretro posto su una tavola piatta, ribaltato, e calato in mare. Questa è stata la narrazione ufficiale dell’amministrazione.
Possiamo veramente credere ad una simile storiella? Era ricercato vivo o morto da molti anni e una volta assassinato gli fanno un funerale degno di un capo di Stato?
Ricordo che nel sito del FBI sulla sua testa c’era una taglia di ben 25 milioni di dollari.

Nessun testimone
Pochi mesi dopo, il 7 agosto 2011 disgraziatamente precipita in Afghanistan l’elicottero Chinook con a bordo una trentina di uomini delle forze speciali degli Stati Uniti, casualmente proprio nel momento in cui la versione ufficiale di Washington sull’uccisione di Osama bin Laden vacillava.

Quello che rimande dell’elicottero Chinook

Tra i 38 morti nel disastro vi erano i 17 Navy Seals coinvolti nell’esecuzione del miliardario saudita, soprattutto il Seals Team 6, gli uomini dell’unità speciale (nel frattempo diventati eroi nazionali) che lo avrebbero ucciso.
All’epoca fonti anonime hanno raccontato agli organi di stampa che l’elicottero sarebbe stato abbattuto da un missile, ma di questo i media non ne hanno parlato.
Come mai tirare in ballo dopo tanti anni questa triste vicenda? Il motivo è semplice: qualche giorno fa un agente pentito della CIA avrebbe fornito ad un membro del Congresso statunitense e ad un generale dell’esercito le prove inoppugnabili che Barack Obama (Presidente), Hillary Clinton (Segretaria di Stato) e Joe Biden (vice presidente) sarebbero non solo gli artefici della messinscena legata a Osama bin Laden, ma la cosa ancor più grave, sarebbero i mandanti dell’assassinio del militari del Seals Team 6.
Le forze speciali che parteciparono all’incursione erano gli unici testimoni oculari della più grande presa per il culo americana degli ultimi anni!
Se questa notizia venisse confermata, a poche settimane dalle presidenziali di Trump, sarebbe una bomba atomica dirompente per il Deep State…

Continua a leggere obama,clinton,biden mandanti…..