Nathan Rotschild guadagnò 40 milioni sapendo prima…..

Marcello Pamio – tratto dal libro “L’Ebreo internazionale” di Henry Ford, 1938
Conoscere le notizie prima degli altri, sapere quello che deve accadere, prima che lo sappiano gli altri, è sempre stata una prerogativa degli ashkenaziti, resa più facile dalla stretta coesione dei propri gruppi e comunità. Sono stati gli inventori delle “note informative”.
Per molti secoli gli ashkenaziti sono stati il popolo meglio informato del mondo intero: dalle fonti segrete delle Corti e delle Cancellerie, costituite da ashkenaziti privilegiati che occupavano posizione altolocate, essi erano a conoscenza di tutti gli eventi mondiali. Hanno sempre avuto spie dappertutto.

Un esempio interessante e storico di come hanno saputo sfruttare le ultime notizie a proprio vantaggio è costituito dalla carriera di Nathan Rothschild di Londra.
Mayer Amschel Rothschild è l’ashkenazita a capo dell’impero omonimo, ebbe 5 figli che si sparsero per tutta l’Europa per meglio controllare il continente: Nathan a Londra, Jacob a Parigi, Amschel a Francoforte, Carl a Napoli e Solomon a Vienna.
Questo banchiere aveva basato tutti i suoi piani finanziari sul presupposto che Napoleone, in quel tempo esiliato al’Isola d’Elba, fosse eliminato definitivamente dalla scena politica europea.

Nathan Mayer Rothschild

Invece Napoleone tornò, e durante i 100 giorni del suo ultimo governo, nel 1815, sembrò che tutto l’edificio finanziario innalzato dai Rothschild dovesse crollare definitivamente.
Nathan quindi aiutò con tutti i mezzi la Prussia e l’Inghilterra contro Napoleone, e quando l’esercito francese e quello degli alleati, si trovano di fronte a Waterloo nessuno, come lui, ebbe maggior interesse nella vittoria di questi ultimi.

Battaglia di Waterloo

Nathan aveva sempre avuto paura del sangue; era personalmente un vigliacco e tremava al minimo accenno di violenza; eppure il suo interesse per l’esito della battaglia, dalla quale dipendevano la sua esistenza e la sua fortuna, fu tale da indurlo a correre in Belgio; qui seguì l’esercito inglese e fin dal principio della battaglia si nascose in un punto da dove poteva seguirne le fasi, al riparo dai proiettili di Hougoumont.

Castello di Hougoumont dove avvenne la battaglia

Nel preciso istante in cui Napoleone riunì le sue ultime riserve per un disperato tentativo, Nathan non ebbe più dubbi, ed esclamò, come egli stesso ebbe a raccontare più tardi: «la casa dei Rothschild ha vinto la battaglia».
Abbandonò in fretta il campo, montò a cavallo e si recò a Bruxelles senza dire una parola a nessuno. Di lì passo ad Ostenda, dove imperversava un tale temporale che nessuna nave si azzardava intraprendere la traversata per l’Inghilterra. Ma Rothschild dimenticò la sua paura e la sua avarizia, al pensiero di quanto avrebbe potuto guadagnare alla borsa di Londra e offrì prima 500 franchi, poi 800 arrivano fino a 1000, pur di essere trasportato sull’altra sponda.
Nessuno accettò, fino a quando si presentò un capitano, dicendo di essere disposto a tentare la folle impresa ma solo se Rothschild sborsava 2000 franchi. Così che fece. I due partirono e arrivarono entrambi mezzi morti nella costa inglese; ma Rothschild non si fermò: ordinò cavalli da posta e corse a Londra senza perdere un minuto e senza lesinare quattrini.

In quell’epoca non esistevano né il telegrafo né altri mezzi rapidi di comunicazione.
Tutta l’Inghilterra era costernata per le cattive notizie che circolavano dappertutto.

La mattina del 20 giugno 1815, quando Nathan Rothschild apparve in Borsa al suo posto abituale, nessuno sospettava ciò che egli sapeva. L’ashkenazita appariva pallido e stanco, e il suo triste aspetto fu attribuito alle cattive notizie che doveva aver ricevuto sulla guerra.

Borsa di Londra

Dopodiché lo osservarono mentre vendeva tranquillamente i suoi titoli. Come? Rothschild vendeva? Le quote scesero catastroficamente, un panico enorme s’impossessò degli agenti di borsa e dei finanzieri; sul mercato si rovesciò una pioggia di titoli di Stato, e nel frattempo tutto quello che veniva offerto in vendita, era comprato dagli agenti segreti di Rothschild, pagati per acquisire tutto quello che gli altri svendevano!

Questo accadde nei giorni 20 e 21 giugno 1815, e alla chiusura della borsa di Londra (mercoledì 21 giugno), le casseforti di Rothschild erano ricolme di titoli. Nello stesso pomeriggio arrivò un corriere espresso con la notizia che Arthur Wellesley, meglio noto come Duca di Wellington, aveva sconfitto Napoleone, il quale è fuggito al Sud.
Nathan Rothschild aveva guadagnato qualcosa come 40 milioni per il solo fatto di essere stato il primo a conoscere una notizia di attualità prima degli altri…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi