LE VENDITE DEI QUOTIDIANI….

Le vendite dei quotidiani stanno crollando. Dio esiste!

Marcello Pamio

Ne avevamo già parlato a marzo 2020 del fatto che i giornali vendono sempre meno: la bella notizia è che tale tendenza sta proseguendo…
I numeri delle vendite di giornali a giugno 2020 non lasciano spazio ad errate interpretazioni: il mercato nazionale fra giugno 2019 e giugno 2020 è crollato di circa il 25%.
Tanto per capirci, un anno fa il totale delle copie cartacee vendute ammontava a quasi 2 milioni al giorno, mentre oggi sono scese sotto il milione e mezzo.
A memoria non c’è mai stato un periodo così brutto per la stampa e non c’entra il Covid perché il calo delle vendite non ha toccato solo i giornali sportivi o l’Avvenire (chiusura stadi e chiese), ma la quasi totalità delle testate.
Il Corriere della Sera ha abbassato le sue vendite del 11%, idem La Repubblica che ha sforato in negativo con un calo del 18% rispetto alle copie vendute un anno fa.

Vediamo i numeri
I giornaloni per antonomasia, dove si alternano a scrivere per le imprese del Regime le grandi e ben oliate penne, sono stati i più penalizzati dagli elettori. Chissà come mai?
Il Corriere della Sera per esempio a giugno 2018 vendeva oltre 209.000 copie, a giugno 2019 circa 190.000 copie e a giugno di quest’anno solo 164.000. Segue a ruota La Repubblica con 170.000 copie a giugno 2018, circa 145.000 nello stesso mese del 2019 e solo 114.000 quest’anno.

Nonostante l’aumento delle copie digitali e degli abbonamenti on-line i risultati dei bilanci dei grandi colossi sono inequivocabili.
Il Gruppo Rcs (Rizzoli-Corriere della Sera), ha visto il fatturato scendere da 475 a 319 milioni, il risultato netto da 38 milioni di utile a 12 di perdita; il ricavo del Gruppo Gedi (Repubblica, La Stampa e molti altri quotidiani, giornali locali e radio) è passato da 303 a 249 milioni, il risultato operativo da 8 milioni di utile a 20 milioni di perdita.
Numeri neri anche per Caltagirone editore che passa da 1,6 milioni di perdita un anno fa, a 18 milioni quest’anno.
Gli unici che crescono sono il Corriere delle Alpi del 1%, il Giornale del 5%, il Fatto Quotidiano del 7% e La Verità del 18%.
In edicola però il Fatto Quotidiano è sotto di 7.000 copie, il 19%, rispetto giugno 2018, La Repubblica è sotto del 27% e il Corriere della Sera del 20%!

Conclusioni
Anno dopo anno, semestre dopo semestre, i media mainstream perdono lettori per strada. Qualcuno si sposta dall’edicola al pc con gli abbonamenti on-line e le copie digitali, ma i giornali virtuali non coprono le voragini di soldi perdute costantemente dall’abbandono dei clienti. Anche perché nel digitale diventa sempre più pesante la riduzione dell’apporto pubblicitario…
Le vendite e i fatturati indicano che le persone si stanno svegliando dal letargo cerebrale e dal vuoto informativo che i media di regime veicolano, e l’andamento in controtendenza del quotidiano La Verità forse ne è la prova. Attualmente è infatti uno dei pochissimi che ha il coraggio di pubblicare notizie e informazioni al di fuori dal pensiero unico, al di fuori del paradigma, su tematiche delicate come libertà di cura, vaccini ecc.
I tempi sono maturi per dire basta ad una informazione vergognosamente unidirezionale, pilotata e direzionata esclusivamente al condizionamento mentale delle masse (vedi articolo sulle Egregore).

Senza i megafoni mediatici la dittatura sarebbe meno pervasiva e soprattutto
molto meno persuasiva!

Il potere – per il momento – lo abbiamo nelle nostre mani e nelle nostre tasche, ed è quello di non finanziare più tale sistema. Uscire dal sistema con l’intento di sganciarsi dal mainstream e dai loro tentacoli predatori.
Per cui boicottiamo i giornali, la televisione (non pagando più il pizzo) e tutti i network radiofonici, dando un chiaro segnale che il risveglio è in atto!
Nella fase due si andrà a lavorare nei piani sottili, perché un danno economico boicottando la vendita di giornali non bloccherà la deriva che stiamo vivendo, è solo il primo ma importante passaggio…

 

Tutti i dati sono pubblicati dal sito www.adsnotizie.it
La società ADS è nata nel 1975 dalle Associazioni: UPA (Utenti Pubblicità Associati), FIEG (Federazione Italiana Editori Giornali), FEDERPRO (Federazione Professionale della Pubblicità) e FIP (Federazione Italiana Pubblicità); da allora rendono disponibili i dati di diffusione e tiratura della stampa quotidiana e periodica pubblicata in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.