Ecco i ristoranti del futuro….

Ecco i ristoranti del futuro (quei pochi che apriranno)

Marcello Pamio

Secondo la Fipe, l’associazione degli esercenti le norme imposte dall’attuale governo (illegittimo) sono semplicemente inapplicabili: “almeno l’80% dei locali, quelli a gestione familiare e le piccole imprese. Tutti destinati a chiudere”.
Quindi secondo le stime 8 attività su 10 non vedranno mai più la luce!
Ma a quelli comodamente seduti in Parlamento non importa perchè si nascondono dietro la parola “sicurezza”, come se a questi individui, non votati da nessuno, importasse davvero la salute umana!

Grazie alla psico-pandemia i ristoranti che apriranno i battenti, se vorranno tornare a lavorare dovranno cambiare.
Dicono che alla follia non c’è mai limite, e stando alle immagini che girano nel web sembra proprio che sia vero…
Le immagini qui sotto sono inquietanti e fanno vedere il Metiamatic Eten, un ristorante vegano di Amsterdam che ha fatto delle “serre” il suo punto di forza.
I clienti se vogliono mangiare devono dimostrare di essere parenti e solo così possono entrare in piccole serre per essere serviti da camerieri mascherati come scienziati del CDC di Atlanta….

I piatti vengono passati ai clienti grazie a delle tavole lunghe oltre un metro

Forse meritiamo l’estinzione?
Rispondo con l’iniziativa di un designer francese…

La soluzione ideale per i ristoranti: una campana di plexiglass che pende dal soffitto e può proteggere i commensali mentre mangiano.
Si, siamo arrivati alla fine della nostra civilità!

Un commento su “Ecco i ristoranti del futuro….”

  1. Malati di mente chi propone,malato di mente chi accetta. Intanto nei circoli Arci Basta distanziare i tavolini per singoli,coppie o nucleo familiare,con un metro lineare. Ci manca soltanto il grande Totò o Alberto Sordi per farci prendere in giro da tutta l’Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.