A proposito di Foibe

La Commissione Giustizia ha messo in Calendario l’Esame del Disegno di Legge, primo firmatario Ciriani, che modifica l’Articolo di Legge n. 604 Bis , che punisce il Negazionismo sulle Foibe. Il Codice Penale già prevede pene inasprite per chi nega o minimizza la Shoah e il Genocidio. Dalla prossima settimana entrerà nel vivo della Discussione  di questo Provvedimento Legislativo, con le prime Audizioni. Il Capogruppo di Fratelli d’Italia in Senato, Luca Ciriani, e e il Vicepresidente della Commissione Giustizia, Alberto Balboni, affermano che si tratta di un passo importante e storico . I recenti episodi di negazionismo  impongono l’introduzione di una norma di Legge che condanni coloro che ancora oggi negano negano gli eccidi commessi dai Partigiani Jugoslavi comunisti. Il Disegno di Legge, che tanto scandalizza la cosiddetta Sinistra Democratica, che vuole continuare indisturbata a minimizzare sulla tragedia delle Foibe, e accusa il Partito della Meloni di equiparare la Shoah al massacro degli Italiani degli innocenti Italiani gettati ancora vivi  nei Crepacci Carsici, dimenticando in questo modo che nell’Articolo di Legge numero 604 Bis del Codice Penale derubrica l’Eccidio ad un Normale Episodio di Guerra, negandone l’Ampiezza Storica e la Finalità di Sterminio Etnico. Ad accendere la miccia è stato un Articolo del Quotidiano di Sinistra Domani, dove si accusa Fratelli d’Italia di voler paragonare l’Eccidio ad un normale Episodio di Guerra, negandone l’ampiezza e la Finalità di Sterminio Etnico. Vogliono rigirare la frittata. Il Quotidiano di Sinistra accusa Fratelli d’Italia di voler Paragonare il Genocidio degli Ebrei alle Foibe, per tappare la bocca a Storici quali Eric Gobetti, autore del libro ” E allora Le Foibe ?”  Che minimizza la questione delle Foibe Stesse, come se fosse possibile l’esistenza di uno sterminio di massa a capito di un altro. Tutto questo per voler imporre un divieto assoluto di Cambiamento, di rilettura dei Genocidi, delle Foibe, della Verità.

Aldo A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.