Conferenza stampa…..

Conferenza stampa Camera dei Deputati: “Censura mediatica e pensiero unico”

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Martedì 6 ottobre 2020 alla Camera dei Deputati, Marcello Pamio (intervento al minuto 21) assieme all’onorevole Sara Cunial, ai giornalisti Riccardo Rocchesso, Fabio Frabetti e Margherita Furlan hanno tenuto una conferenza stampa per difendere il diritto di fare informazione in Italia, vista la censura sempre più imperante!
Condividete più che potete il video, così da permettere a molte persone di vedere gli interventi e forse prendere coscienza che stiamo vivendo in una vera e propria dittatura mediatica.
Grazie di cuore a tutti e Viva la Libertà!!!
Marcello

Continua a leggere Conferenza stampa…..

L’inflessibilità metabolica……

L’inflessibilità metabolica è il fattore di rischio fondamentale per il COVID-19

Traduzione di Corrado Penna dell’articolo “Metabolic Inflexibility Is Key Risk Factor for COVID-19” pubblicato il 4 ottobre 2020 sul sito del dottor Mercola (https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2020/10/04/why-is-metabolic-inflexibility-problematic.aspx?)

Riassunto
Mentre il SARS-CoV-2 è un virus dilagante che può causare gravi problemi a individui vulnerabili, la vera pandemia – la causa sottostante che rende le persone suscettibili alle complicazioni dell’infezione in primo luogo – è la cattiva regolazione metabolica
A parte la vecchiaia, l’obesità è stata identificata come uno dei principali fattori di rischio per essere ricoverati in ospedale con COVID-19, raddoppiando il rischio di ospedalizzazione nei pazienti di età inferiore ai 60 anni.
Un’ipotesi sul perché l’obesità sta peggiorando i sintomi del COVID-19 ha a che fare con il fatto che l’obesità causa infiammazione cronica. Avere più citochine pro-infiammatorie in circolazione aumenta il rischio di subire una tempesta di citochine.
La resistenza all’insulina è un altro importante fattore di rischio per il COVID-19 che peggiora il quadro cinico e aumenta il rischio di morte. Esistono cinque parametri principali della salute metabolica: circonferenza alla vita, sensibilità all’insulina, pressione sanguigna e livelli di trigliceridi e HDL. Avere tre o più parametri anormali è indicativo di sindrome metabolica

Mentre il SARS-CoV-2 è un virus dilagante che può causare gravi problemi in individui vulnerabili, la vera pandemia – ovvero la causa sottostante che rende le persone suscettibili alle complicazioni dell’infezione in primo luogo – è l’inflessibilità metabolica o la resistenza all’insulina.
In questa intervista (7), il dottor Aseem Malhotra, un cardiologo britannico e autore del libro The 21-Day Immunity Plan (8) approfondisce le suddette questioni e spiega il ruolo che gioca la resistenza all’insulina nella pandemia da COVID-19.
La vera pandemia è la cattiva salute metabolica, o l’inflessibilità metabolica”, dice Malhotra. “Mi ero reso conto, già a marzo, quando ricevevamo dati da Cina e Italia, che c’era un chiaro legame tra le condizioni legate all’eccesso di grasso corporeo, in termini semplici definiti come cattiva salute metabolica, e gli esiti peggiori di COVID-19.
Stiamo parlando di condizioni come il diabete di tipo 2, ipertensione, malattie cardiache e, naturalmente, obesità. E quei dati continuavano a emergere. Quel collegamento era così chiaro, e non è stata certo una scoperta improvvisa.
Come persona che è stata un medico praticante per quasi due decenni, è molto chiaro: sappiamo che le persone che hanno una cattiva salute metabolica tendono certamente ad avere esiti peggiori da qualsiasi infezione, ma il COVID-19 lo ha evidenziato maggiormente e ci ha fatto riflettere su questa problematica.
Stiamo parlando di infezioni al torace, ricoveri ospedalieri con polmonite nei quali casi i diabetici di tipo 2 tendono a stare molto peggio. Stavo guardando quei dati e ho pensato: ‘C’è qualcosa che manca in questa informazione che passa per i mass media’. La questione del covid stava ricevendo molta attenzione in tutto il mondo, nel Regno Unito, negli Stati Uniti, ma nessuno parlava di stile di vita
”.

L’obesità è un fattore di rischio significativo per il COVID-19
A parte la vecchiaia, l’obesità è stata identificata come uno dei principali fattori di rischio per essere ricoverati in ospedale con COVID-19 – essa raddoppierebbe il rischio di ospedalizzazione nei pazienti di età inferiore ai 60 anni secondo uno studio scientifico (9) – anche se l’individuo non ha altri problemi di salute correlati con l’obesità. Anche Uno studio francese (10) ha rilevato che i pazienti obesi trattati per COVID-19 avevano maggiori probabilità di richiedere la ventilazione meccanica.
Un’ipotesi sul perché l’obesità sta peggiorando i sintomi del COVID-19 ha a che fare con il fatto che l’obesità causa infiammazione cronica (11). Avere più citochine pro-infiammatorie in circolazione aumenta il rischio di subire una “tempesta di citochine”.
Una tempesta di citochine (12) in risposta all’infezione virale, è in genere il motivo per cui le persone muoiono per infezioni, che si tratti di influenza stagionale, Ebola, infezione del tratto urinario o COVID-19. L’obesità ti rende anche più vulnerabile alle malattie infettive riducendo la tua funzione immunitaria (13).

La resistenza all’insulina aumenta i rischi di infezione
L’obesità è spesso radicata nella resistenza all’insulina, causata da una dieta imperfetta, e la resistenza all’insulina è un altro fattore di rischio importante per il COVID-19 che peggiora gli esiti della patologia e aumenta il rischio di morte. Un articolo (14) del 15 aprile 2020 su The Scientist esamina le prove15 che mostrano come i livelli più elevati di glucosio nel sangue influenzano la replicazione virale e lo sviluppo di tempeste di citochine.
Sebbene la ricerca in questione abbia esaminato le tempeste di citochine indotte dall’influenza A, questi risultati potrebbero essere applicabili anche al COVID-19. In un comunicato stampa di Science Advances, il coautore Shi Liu ha dichiarato (16):
Riteniamo che il metabolismo del glucosio contribuisca a vari esiti della patologia COVID-19 poiché sia l’influenza che il COVID-19 possono indurre una tempesta di citochine e poiché i diabetici malati di COVID-19 hanno mostrato una mortalità più elevata”.

I fattori di rischio per il COVID-19 possono essere rapidamente migliorati
La buona notizia, come sottolinea Malhotra, è che i fattori dello stile di vita che ti rendono più incline a una grave forma di COVID-19 e alla morte possono essere modificati e migliorati in appena 21 giorni, semplicemente cambiando la tua dieta. Come me, Malhotra sente che questa informazione è stata gravemente assente dai messaggi di risposta alle pandemie.
Avrebbero dovuto dire: ‘Ascolta, non c’è momento migliore per te per pensare davvero a cercare di migliorare la tua salute e guardare cosa mangi, [fare] esercizio moderato, dormire, tutte queste cose”, dice Malhotra. “Ma non è successo.
Per colmare il vuoto informativo, Malhotra ha iniziato a scrivere. Inizialmente, ha scritto una serie di articoli per i giornali britannici. Ha anche avuto l’opportunità di parlare di questo su Sky News.

L’ho detto molto chiaramente. Ho detto: ‘Ascolta, c’è una possibilità che a un certo punto tutti contrarremo questo virus e vogliamo assicurarci di essere nella posizione migliore per essere in grado di affrontarlo, in modo che non ci dobbiamo ammalare a causa di esso quando dovesse succedere.
Penso di essere stato probabilmente l’unico medico in tutto il mondo che ha avuto l’opportunità di dirlo in quei giorni in un media mainstream; penso che nessun altro lo abbia detto”
.

Man mano che più dati sono diventati disponibili, gli scritti di Malhotra si sono trasformati nel libro The 21 Day Immunity Plan. Malhotra ha anche avuto l’opportunità di condividere informazioni con il Segretario di Stato britannico per la salute, Matt Hancock, e quando il libro è stato terminato, il primo ministro Boris Johnson è uscito dicendo che bisogna fare qualcosa, a livello politico, sull’epidemia di obesità.

Detto questo, non dobbiamo disporre di politiche governative per implementare personalmente queste strategie di stile di vita. L’informazione è disponibile. È ben documentato, non controverso e relativamente semplice da fare. Sorprendentemente, il messaggio di Malhotra è stato ampiamente ben accolto e non è stato censurato nella misura in cui è successo a molti altri.

Uno dei semplici consigli con cui iniziare è che dovresti eliminare il cibo ultraprocesso e i carboidrati di bassa qualità. È proprio da lì che dobbiamo iniziare. Se lo elimini, ridurrai automaticamente anche i carboidrati raffinati, lo zucchero e gli oli omega-6.
Sfortunatamente, stiamo ancora combattendo quotidianamente contro uno tsunami di disinformazione alimentare e di pubblicità falsa, il che rende difficile trasmettere questo messaggio e farcelo imprimere nella mente. “Se ogni giorno il governo emettesse un messaggio che dice: ‘La salute metabolica è la chiave’, avremmo un impatto davvero grande”, dice Malhotra.

La maggior parte delle persone ha una cattiva salute metabolica
La tesi centrale del libro di Malhotra è che abbiamo una pandemia di inflessibilità metabolica o cattiva salute metabolica. Ci sono cinque parametri principali della cattiva salute metabolica, che includono:

  • Una grande circonferenza alla vita (17)
  • Prediabete o diabete di tipo 2
  • Pre-ipertensione o ipertensione (pressione sanguigna alta)
  • Trigliceridi nel sangue alti
  • Colesterolo HDL basso

Se tutti questi cinque parametri rientrano negli intervalli normali, sei in buona salute metabolica. Avere tre o più parametri anormali è indicativo di sindrome metabolica. L’inflessibilità metabolica può essere ulteriormente suddivisa in due sottoinsiemi primari, vale a dire:

1. Insulino-resistenza, i cui segni includono tipicamente ipertensione, trigliceridi alti, colesterolo alto, obesità e altre variabili collegate a tutto ciò.
Negli Stati Uniti, i dati NHANES18 pubblicati nel 2016 rivelano che l’87,8% degli americani hanno un metabolismo alterato, sulla base di questi cinque parametri. Questi dati hanno più di quattro anni ormai, quindi la cifra è probabilmente superiore al 90% della popolazione odierna.
Secondo un aggiornamento del gennaio 2019 dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, più di 122 milioni di adulti americani hanno il diabete o il prediabete19 , condizioni che hanno dimostrato di aumentare le tue possibilità di contrarre e persino di morire a causa di COVID-19 (20).

Carenza di vitamina D.
La sindrome metabolica triplica il rischio di morte per COVID-19
Malhotra osserva:
I dati di COVID-19 mostrano che i più alti rischi di morte e ospedalizzazione si presentano nelle persone con sindrome metabolica, non nell’obesità. L’obesità probabilmente raddoppia il rischio di morte, ma con la sindrome metabolica il rischio di morte è circa 3,5 volte maggiore, ed è e circa cinque volte maggiore il rischio di ospedalizzazione se si contrae il COVID-19.
Quindi questo è il problema principale. E il motivo per cui è importante è che colpisce anche molte, molte persone. Questo è il motivo per cui l’indice di massa corporea, ad essere onesti, penso che dovrebbe essere lasciato perdere; voglio dire, è inutile, è obsoleto.
Dovremmo guardare alla salute metabolica, perché fino al 40% delle persone con un cosiddetto indice di massa corporea normale, a cui potrebbe essere detto di avere un peso corretto, in realtà sono metabolicamente malate. Questa è un’enorme percentuale di persone e ci sono disparità a seconda dell’etnia di provenienza.
Ma il problema di base con l’indice di massa corporea, che è un calcolo basato sul tuo peso in chilogrammi diviso per la tua altezza in metri elevata al quadrato, è che non prende in considerazione la tua percentuale di grasso corporeo, la tua massa muscolare, la tua etnia…
Manca un enorme gruppo di persone che sono probabilmente vulnerabili e potrebbero intraprendere dei cambiamenti nel proprio stile di vita per migliorare il proprio stato di salute se venisse loro consigliato di farlo. Ma a molti di loro questo non viene consigliato, anzi viene loro riferito che hanno un peso corretto
Se tutti conoscessero i propri indicatori di salute metabolica e poi ricevessero i consigli relativi, allora, come ho sottolineato nel libro, entro poche settimane probabilmente noterebbero cambiamenti significativi. Naturalmente, varierà da persona a persona.
Per quanto riguarda la vitamina D, è ancora una volta qualcosa che abbiamo ignorato per molto tempo. Nel Regno Unito, una percentuale significativa delle persone è carente o gravemente carente di vitamina D, la quale ha un ruolo così importante nella funzione immunitaria. La maggior parte dei recettori cellulari nel tuo corpo hanno recettori della vitamina D e tale sostanza è coinvolta nel potenziamento dell’immunità innata e adattativa 
“.

La cosa fondamentale da sapere è che devi avere i cinque parametri metabolici sopra elencati entro gli intervalli normali, e hai bisogno di un livello ematico ottimale di vitamina D, che ora si pensa sia compreso tra 40 ng/mL e 60 ng/mL
C’è stato uno studio in Indonesia che ha dimostrato che nelle persone ricoverate a causa del COVID-19 – quelle che avevano una grave carenza di vitamina D rispetto a quelle che avevano livelli normali di vitamina D nel sangue – c’era una differenza di dieci volte nei tassi di mortalità, il che è straordinario. Quindi essa sicuramente svolge un ruolo molto importante“, dice Malhotra.
La cosa ideale è ottenere la vitamina D dalla luce solare, perché così in realtà rimane più a lungo nel flusso sanguigno. Ma, certamente, almeno durante i mesi invernali, dovresti prendere un integratore. E la cosa buona è che costa poco …
Sospetto che ottenere una buona salute in realtà deriverà solo dal mangiare cibo vero, dall’essere fuori nella natura (21), dal fare più esercizio fisico e ridurre il nostro stress nonché dalla connessione sociale (22); tutte queste cose, penso, sono la chiave per la longevità e la buona qualità della vita. 

Come migliorare la tua salute metabolico
Quindi, come si migliorano questi cinque parametri metabolici? Malhotra affronta questo problema nel suo libro, ovviamente. In sintesi, per ottimizzare la salute metabolica e invertire la sindrome metabolica, ti consigliamo di:

– Limitare o eliminare gli alimenti che promuovono la resistenza all’insulina – In cima a questo elenco ci sono alimenti processati ricchi di oli di semi industriali (23) , zuccheri aggiunti e carboidrati raffinati (ad esempio, pane, pasta e riso bianco).
Lo zucchero è probabilmente uno dei principali responsabili dei danni indotti della dieta”, dice Malhotra . “Inoltre è certo che, al di là del suo apportare troppe calorie, sembra avere altri effetti negativi sulla salute metabolica …
Quindi, lo zucchero è una delle prime cose di cui parlo sempre, che affermo che le persone debbano eliminare dalla propria dieta … La maggior parte delle persone può interrompere queste dipendenze nel giro di tre o sei settimane 
“.

Come spiegato nella mia intervista con il Dr Chirs Knobbe (24), gli oli di semi lavorati industrialmente come la colza, il mais e l’olio di soia (la maggior parte dei quali sono anche geneticamente modificati) sembrano essere al centro della maggior parte se non di tutte le malattie croniche del mondo moderno.
Le prove disponibili suggeriscono che potrebbero essere una minaccia per la salute ancora maggiore rispetto allo zucchero aggiunto ai cibi. Malhotra ha affrontato questo problema anche nel suo libro, The Pioppi Diet (25), pubblicato nel 2017. A parte i danni più diretti, uno dei modi in cui questi oli danneggiano la salute è che alterano il rapporto tra omega-3 e omega-6, poiché sono eccessivamente ricchi di acido linoleico omega-6.
Quando vengono utilizzati in cucina, producono anche aldeidi tossiche e cancerogene. Al posto degli oli di semi, usa grassi saturi sani come olio di cocco, burro di erbe, burro chiarificato biologico o strutto (26).

– Essere più attivo fisicamente -Anche questo può migliorare e ridurre i marker di rischio di malattie metaboliche. Fai solo attenzione a non esagerare, poiché un esercizio eccessivo ridurrà effettivamente la tua funzione immunitaria e aumenterà il rischio di infezioni respiratorie.

– Ottimizzare il sonno.

-Ridurre lo stress.

Come notato da Malhotra:
Combinare tutti questi elementi insieme – quella sinergia della dieta e di tutti gli altri fattori dello stile di vita – ha effetti rapidi e profondi sulla salute. Quindi è qui che dobbiamo cambiare la narrazione dei fatti.
Uno dei consigli con cui iniziare è che dovresti eliminare il cibo ultraprocesso ed i carboidrati di bassa qualità. Almeno mangiate tacchino freddo per alcune settimane. Puoi reintrodurli o assumerli come dolcetti occasionali, ma questo non dovrebbe costituire la maggior parte del tuo consumo calorico.
È proprio da lì che dobbiamo iniziare. Se lo elimini (27), ridurrai automaticamente anche i carboidrati raffinati, lo zucchero e gli oli omega-6. Tutte queste cose verranno significativamente ridotte dalla tua dieta”.

Mangiare in una finestra di tempo limitato aumenta la salute metabolica
Nel suo libro, Malhotra raccomanda anche di implementare un programma di alimentazione con restrizioni orarie28 o un digiuno intermittente in cui limiti il ​​tuo mangiare a una finestra di, idealmente, da sei a otto ore al giorno.
Mio cugino, che vive in California, ha lottato per la maggior parte della sua infanzia e della prima età adulta con il suo problema del sovrappeso”, dice Malhotra. “Ora, è probabilmente il membro più magro e forse più in forma di tutta la famiglia perché ha cambiato la sua dieta.
Rispetta religiosamente le indicazioni di mangiare in un periodo orario limitato. Voglio dire, lo fa tutti i giorni, e ora ha letteralmente la pancia piatta, ha una salute metabolica ottimale ed è fantastico. Ma mi ha detto che gli ci è voluto del tempo per vedere davvero gli enormi benefici di questo suo impegno. Gli ci è voluto circa un anno per sbarazzarsi dell’ultima fascia o di grasso intorno alla pancia.”

Disclaimer: L’intero contenuto di questo sito web si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che mantiene il copyright come contrassegnato. Le informazioni su questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un professionista sanitario qualificato e non sono intese come consulenza medica. Le informazioni sono intese come una condivisione di conoscenze e informazioni dalla ricerca e dall’esperienza del dottor Mercola e della sua comunità.
Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie basate sulla tua ricerca e in collaborazione con un professionista sanitario qualificato. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o patologia medica, consultate il vostro medico prima di utilizzare prodotti basati su questi contenuti

Riflessione del traduttore: ci hanno presentato il virus come un nemico, ma non ci hanno dato consigli su come rafforzare il sistema immunitario tramite modifiche allo stile di vita, alle nostre abitudini alimentari. Hanno invece affermato che non ci fossero prove dell’utilità della vitamina D, ma sono stati smentiti dai fatti (1). Hanno fatto lo stesso con la vitamina C, facendo riferimento ad articoli scientifici in cui l’efficacia della vitamina C era valutata dal suo utilizzo in dosi “da 200 mg in su” (invece che in dosi giornaliere da decine di grammi secondo le testimonianze del dottor Cathcart (2) ). Più in generale ci hanno tolto ogni responsabilità personale nella lotta alle infezioni, come se il nostro corpo potesse stare bene o stare male indipendentemente dal “carburante” che introduciamo in esso per alimentarne le funzioni vitali. Non hanno insistito su un adeguato apporto di vitamine da frutta e verdura fresca, e non hanno detto niente sull’abuso si carboidrati raffinati, sul problema dell’indice glicemico, dell’obesità, men che mai sull’esercizio fisico, sulla gestione dello stress e dell’ansia per rafforzare il sistema immunitario.

L’unica “responsabilità” che ci hanno lasciato è quella per la quale ci siamo visti l’un l’altro come nemici, come possibili fonti di contagio, invece che come fratelli coi quali condividere questa esistenza terrena nella gioia e nel dolore. La responsabilità di cui il potere e le informazioni dei mass media ci hanno caricato è stata invece quella “di stare lontani dalle altre persone”, anche dai propri cari, anche da quelle persone con le quali stare insieme è una gioia e un piacere, anche da chi con i suoi sorrisi e i suoi abbracci ha sempre riempito di serenità la nostra vita. Eppure ben noto che il sistema immunitario si deprime quando siamo soli e tristi, condizione che può fare aumentare anche l’infiammazione, ovvero uno di quei meccanismi la cui cattiva regolazione in molti anziani ha portato a gravissime complicanze, talora mortali (3). Se sull’importanza della regolazione metabolica leggere qui una lunga traduzione, a conferma di quanto appena detto possiamo citare, tra i tanti, i seguenti 3 articoli scientifici:

1) “Loneliness in healthy young adults predicts inflammatory responsiveness to a mild immune challenge in vivo” (La solitudine in giovani adulti sani predice la risposta infiammatoria a una lieve sfida immunitaria in vivo) (4). Nel quale leggiamo non solo che la risposta infiammatoria alla vaccinazione è stata maggiore nelle persone che soffrivano di solitudine, ma anche che “I risultati attuali sono in linea con le prove che la solitudine può modificare la reattività del sistema immunitario, suggerendo un potenziale percorso bio-comportamentale che collega la solitudine a problemi di salute”.

2) “Affective immunology: where emotions and the immune response converge” (Immunologia affettiva: quando emozioni e risposta immunitaria convergono) (5) che contiene un intero paragrafo su “Disturbi emotivi acuti e cronici e loro impatto sul sistema immunitario”.

3) “Psychological Stress and the Human Immune System: A Meta-Analytic Study of 30 Years of Inquiry” (Stress psicologico e sistema immunitario umano: uno studio meta-analitico di 30 anni di indagine) (6) una analisi comprensiva dei risultati di 30 anni di indagine sul campo, all’interno della quale leggiamo “Brevi fattori di stress naturalistici (come gli esami) tendevano a sopprimere l’immunità cellulare preservando l’immunità umorale. I fattori di stress cronici erano associati alla soppressione delle misure sia cellulari che umorali.” Dove si ricorda che l’immunità umorale è quella specifica degli anticorpi, mentre l’altra è quella a-specifica.

Maggiori informazioni e note

Per saperne di più, assicurati di prendere una copia del libro di Malhotra, The 21 Day Immunity Plan. È una lettura facile che enfatizza e riassume le basi fondamentali dello stile di vita che devi comprendere e applicare per migliorare la tua salute metabolica, il che a sua volta ridurrà il tuo rischio di complicazioni se dovessi soffrire di sintomi da COVID-19.
Le informazioni sui social media per il dottor Malhotra possono essere trovate sul suo sito su https://doctoraseem.com/.

1 Vedi l’articolo scientifico A cohort study to evaluate the effect of combination Vitamin D, Magnesium and Vitamin B12 on progression to severe outcome in older COVID-19 patients, pubblicato su Nutrition (pubblicazione on line precedente quella su carta stampata) 2020, autori Chuen WenTan, Liam PockHo, et al.; https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0899900720303002?via%3Dihub.

2 Vitamin C, titrating to bowel tolerance, anascorbemia, and acute induced scurvy, pubblicato su Medical Hypotheses 1981 Nov;7(11):1359-76, autore R F Cathcart; https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28224112/.

3 La cosiddetta “tempest di citochine”.

4 Pubblicato su Brain Behaviour and Immunity. 2019 Nov;82:298-301, autori JT Balter J E Raymond et al.; https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31476413/.

5 Pubblicato su Dialogues in Clinical Neuroscience. 2017 Mar; 19(1): 9–19, autore Fulvio D’acquisto; https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5442367/.

6 Pubblicato su Psychologica Bullettin 2004 Jul; 130 (4): 601–630, autori Suzanne C. Segerstrom e Gregory E. Miller; https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1361287/.

7 Vedi il video incorporato nell’articolo.

8 https://www.amazon.com/21-Day-Immunity-Plan-bestseller-transforming-ebook/dp/B089Q81QQ1#ace-g2342880709.

9 Obesity in Patients Younger Than 60 Years Is a Risk Factor for COVID-19 Hospital Admission, pubblicato su Clinical Infectious Diseases, Volume 71, Issue 15, 1 August 2020, Pages 896–897, autori Lighter J, Phillips M, et al.; https://academic.oup.com/cid/advance-article/doi/10.1093/cid/ciaa415/5818333.

10 High Prevalence of Obesity in Severe Acute Respiratory Syndrome Coronavirus-2 (SARS-CoV-2) Requiring VentilationArthur pubblicato su Obesity Society Volume28, Issue7 July 2020 Pages 1195-1199, autori Simmonet A, Chetboun M, et al.; https://onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.1002/oby.22831. Obesity Linked to Severe Coronavirus Disease, Especially for Younger Patients, pubblicato sul New York Times il 16 aprile 2020 e scritto da Roni Caryn Rabin; http://archive.is/rUYmq.

11 Vedi articolo del New York Times stampa alla nota precedente: http://archive.is/rUYmq .

12 Vedi l’articolo https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2019/06/29/scary-signs-of-sepsis.aspx o più in dettaglio il “dossier sul coronavirus” nell’apposita sezione sulla “tempesta di citochine” liberamente scaricabile dal seguente link: https://drive.google.com/drive/u/0/folders/1zvoutChdJSLCHh3YDWI9Uf-L6E-PZPfh.

13 Vedi i seguenti siti e articoli scientifici:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Continua a leggere L’inflessibilità metabolica……

Dittatura sanitaria…..

Dittatura sanitaria: medico che uccide o ruba va bene, se critica i vaccini viene radiato!

Marcello Pamio

Qualche giorno fa si è svolta a Roma la seconda delle udienze del processo presso la Ceeps, la Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, che ha visto protagonisti una ventina di medici, incriminati di essere dei pericolosissimi NO-VAX! La terza e ultima udienza avverrà il prossimo 28 ottobre.
L’accusa sarebbe di aver tradito la Scienza e la deontologia professionale assumendo una posizione critica e ascientifica nei confronti del principio sull’obbligatorietà vaccinale. Della serie: un medico non può esprimere un parere in ambito sanitario.
La Ceeps è l’organo di giurisdizione speciale istituito presso il Ministero della Salute che giudica le vicende degli ordini professionali, e dovrà confermare o meno le radiazioni già decise dai rispettivi ordini.
E’ la prima volta nella storia dell’Italia che un medico potrebbe essere radiato per le sue opinioni!

Due metri e due misure
Non tutti lo sanno ma esiste una regola aurea interna agli ordini: ”se non esci dal paradigma puoi fare quello che vuoi”. In effetti gli ordini dei medici NON RADIANO i colleghi che eseguono interventi chirurgici senza utilità per ottenere rimborsi regionali; spezzano le ossa ai pazienti per fare “esperienza” e soldi; incassano centinaia di milioni di euro dalle case farmaceutiche per rendere obbligatorio un vaccino (De Lorenzo docet); impiantano valvole cardiache killer; ecc. La maggior parte dei medici coinvolti in gravissimi scandali di malasanità risulta tuttora regolarmente iscritta agli ordini professionali. Mentre coloro che criticano le vaccinazioni di massa vengono radiati senza se e senza ma!

Un paese nel quale non vengono radiati quei medici che uccidono, derubano e invalidano i pazienti, ma vengono perseguitati tutti quelli che mettono in discussione una pratica sanitaria come quella vaccinale, è un paese destinato ad una fine ingloriosa!
La dittatura sanitaria continua imperterrita nella sua opera distruttiva, e questo sta avvenendo nel silenzio generale della popolazione e della stessa classe medica, questi ultimi tutti bravi allineati nella vana speranza che non toccherà loro nulla di male…

Cosa possiamo fare
Sempre più gli ordini professionali stanno mostrando al mondo la loro vera natura: da organizzazione privata di tutela della categoria dalle aggressioni esterne (malpractice) si sono trasformati in un vero e proprio feroce organismo di inquisizione con il compito di punire il pensiero non allineato, colpendo quei medici che mettono il naso fuori dal paradigma.
Per tanto, se questa è la società, non rimane altra strada che quella di uscire dal Sistema, sganciandosi da queste associazioni e creando qualcosa di nuovo e riconosciuto, non certo dal Potere ma dalle Persone!
Non è un caso infatti che milioni di individui si stiano allontanando sempre più da una medicina protocollare metastatizzata dalle industrie, e questa deriva sta disturbando il sonno a moltissimi…

Fintanto che dipenderà da un ordine privato ammanicato con il regime e le lobbies farmaceutiche, UN MEDICO NON SARA’ MAI E POI MAI LIBERO DI PRATICARE L’ARS MEDICANDI!
Il momento di alzare gli scudi è arrivato e necessita di una fortissima reazione dell’intera classe medica perché qui di mezzo non ci sono i NO-VAX o i No-MASK, qui si gioca l’autonomia e la libertà di un medico di decidere in Scienza e Coscienza qual è la strada migliore e più consona per il proprio assistito. Qui di mezzo c’è la libertà di cura e la libertà di scelta terapeutica!!!

Continua a leggere Dittatura sanitaria…..

Vaccino per tutti…..

Vaccino per tutti o sarà il disastro”. L’apocalittico Gates continua a farneticare

Marcello Pamio

Bill Gates è ancora a piede libero per cui continua a sparare le sue farneticazioni da apocalittico quale è, e i media di regime ovviamente gli danno il massimo spazio possibile, come se a parlare fosse uno scienziato serio e affidabile.
«Vaccino per tutti o sarà il disastro»! Ecco la sua ultima sparata.
Ma veniamo alla parte più interessante del suo discorso quando dice che siamo “alla vigilia di una grande conquista scientifica: con ogni probabilità un vaccino sicuro ed efficace contro il Covid-19 sarà disponibile all’inizio del prossimo anno. Anzi, ce ne sarà forse più d’uno. Grazie a questo enorme passo avanti, il mondo avrà finalmente la possibilità di eradicare la minaccia della pandemia e tornare alla vita normale”.

Ma la ricetta vincente per gli esseri non-pensanti è quando afferma che grazie al vaccino “i governi potranno revocare tutte le misure di distanziamento sociale, la gente smetterà di usare la mascherina e l’economia globale ritroverà il suo slancio”. Avete inteso?
Come si può competere con cotanta genialità?
Secondo il miliardario non solo le industrie produrranno una camionata di vaccini diversi (almeno 16 sono le società farmaceutiche che collaborano con la Fondazione Gates) per l’intera popolazione planetaria, ma grazie a questi farmaci tutto tornerà come prima.

Magicamente ha estratto dal cilindro il nuovo mantra per il popolo-bue: “il vaccino farà tornare tutto alla normalità”! Ora potrete urlarlo ai quattro venti, avvertendo tutti quelli che rifiuteranno i vaccini, perché sarà loro la colpa se le cose non dovessero andare per il verso giusto.
Sono riusciti a mettere tutti contro tutti, genitori contro genitori e bambini contro bambini, in quella che Francesco Guccini chiamerebbe la ”guerra santa dei pezzenti”.

Ma allora potremo dire addio alle mascherine, al distanziamento sociale, ai tamponi e a tutta la follia che stiamo vivendo? Assolutamente no, e se qualcuno crede ad una simile propaganda in realtà tutto ciò a cui potrà dire addio è il proprio encefalo!

Chi paga?
Da dove vengono i finanziamenti necessari per la produzione dei vaccini? Ovviamente paga sempre Pantalone, ovvero noi, i sudditi.
La Fondazione Bill & Melinda Gates, il Gavi e le altre organizzazioni collegate al filantropo incamerano decine di miliardi di dollari, ma i soldi per i vaccini li devono tirare fuori sempre gli altri, governi inclusi. L’ultima invenzione si chiama l’Act Accelerator, una iniziativa promossa guarda caso da Gavi e Global Fund.
L’Inghilterra ha appena donato all’Accelerator i fondi necessari per procurare centinaia di milioni di dosi di vaccino per i Paesi poveri, mentre da noi l’incapace premier Conte è stato tra i primi a riconoscere l’esigenza di una risposta multilaterale al Covid-19. Della serie, dopo i centinaia di milioni di euro che l’Italia ha regalato a Bill Gates, ora usciranno dalle tasche giù svuotate degli italiani ancora soldi per i soliti noti.

Ma vuoi tornare alla “normalità”, o no? E allora zitto e non recriminare – come direbbe il grande Edoardo Bennato – “in cambio di tutta la libertà che ti abbiamo fatto avere: mettiti in fila e torna a lavorare”. O per meglio dire: mettiti in fila che stanno per arrivare 16 vaccini…

 

https://www.corriere.it/esteri/20_settembre_30/bill-gates-covid-vaccino-tutti-o-sara-disastro-26d03b3e-028c-11eb-a582-994e7abe3a15.shtml

Continua a leggere Vaccino per tutti…..

Come ,ai prima…

 

“Come mai prima”. Coca Cola e la nuova normalità…

Marcello Pamio

Alzi la mano chi vorrebbe tornare alla normalità.
Bene….ora potete abbassarla, perché non torneremo mai più alla vita precedente.
Il Sistema ce lo sta dicendo in ogni modo e in tutte le salse, a tal punto che perfino Coca Cola si è scomodata!
Ha realizzato uno spot geniale dove un uomo di colore spiega a voce la bellezza di guardare con occhi diversi la “nuova normalità”. Un messaggio apparentemente condivisibile, ma all’inizio e alla fine dello spot i geni pubblicitari hanno inserito tre paroline semplici: “Come Mai Prima”!

Ufficialmente si riferisce al fatto che la corporazione che produce la bevanda più conosciuta e purtroppo più bevuta al mondo, ci tiene a fare sapere ai suoi consumatori che ci sarà “come mai prima”. Invece di investire milioni per sistemare i danni che il colosso crea in giro per il mondo, ha donato 100 milioni di dollari alle organizzazioni in prima linea che fronteggiano il Covid-19.
Ovviamente il messaggio subliminale dello spot è leggermente diverso: “Non torneremo Mai più Come Prima

Avete capito? Tutti voi retrogradi che vorreste tornare alla bella vita (per modo di dire) precedente, mettetevelo dentro quella zucca vuota. Non torneremo mai più alla “normalità” per il semplice fatto che dovremo abituarci alla situazione psicopatologica odierna: mascherine, isolamento, distanziamento, delazione, tamponi ai bambini quotidianamente a scuola, e dulcis in fundo vaccini per tutti, come se non ci fosse un domani.

Ecco perché nessuno dà speranza e buone notizie, perché per il Sistema non sarà MAI COME PRIMA! Tutto qua.
Stanno (mal)trattando socio-psicologicamente i bambini piccoli, con lo scopo di inoculare direttamente dentro l’inconscio e il DNA comune la concezione e la visione della nuova società del futuro, di quel “Mondo Nuovo” tanto agognato dal visionario Aldous Huxley.

Video dello spot della Coca-Cola

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Continua a leggere Come ,ai prima…

Il coronavirus è spento,,,

Il coronavirus è spento: parola del Primario di microbiologia di Treviso

Marcello Pamio

Per la prima volta i primari dei reparti di Microbiologia che effettuano le analisi sui tamponi ammettono che sono costretti a potenziare la carica virale per poter individuare il virus che, altrimenti, sarebbe riscontrato in una percentuale irrisoria!
Ad affermarlo il dottor Roberto Rigoli, primario del reparto di Microbiologia a Treviso, il quale ha coordinato una ricerca assieme ai colleghi di Mestre e Verona. “Su 60mila tamponi fatti dal 1° giugno in Veneto, solo 3 hanno registrato una quantità di virus importante. Ma anche quelle 3 persone infettate dal Covid-19 hanno sviluppato solo sintomi leggeri e nessuno è finito in pneumologia o in rianimazione”.

Detto in altri termini: la carica del virus si è spenta.
Ma allora a cosa servono i tamponi oltre a far ingrassare le lobbies?

Il-logica dei tamponi

# 60.000 tamponi;
# 210 positivi;
# 199 in maniera molto modesta e probabilmente non erano infettivi;
# 11 positivi con segnale chiaro, di cui 4 asintomatici e 7 sintomatici;
# 3 casi in cui la carica virale è paragonabile a quella nella fase acuta dell’epidemia.

Chiamarla strategia sanitaria è proprio fuori luogo: 60.000 tamponi in una sola regione per trovare solo 3 persone infettate dal Covid-19, le quali hanno sviluppato solo sintomi leggeri e nessuno è finito in pneumologia o in rianimazione. E a livello nazionale?
Quanti soldi stanno incamerando i produttori dei tamponi? Quante persone sono agli arresti domiciliari (quarantena fiduciaria) per un test farlocco? Quanti bambini sono a casa da scuola per una fantomatica positività? E quanti genitori perderanno il lavoro per questa distorsione della realtà?

Non c’è altra spiegazione se non quella che viviamo in una sorta di incantesimo…

Fonte:

https://www.rovigooggi.it/n/102146/2020-08-23/il-coronavirus-ormai-si-e-spento-per-trovarlo-si-amplifica-il-segnale-di-positivita

Continua a leggere Il coronavirus è spento,,,