Ultime notizie

DEEP WEB E DARK WEB…..

Deep Web e Dark Web: le cose da sapere

Tutto quello che vediamo in Rete e che ben conosciamo navigando nel web, dai siti internet, ai motori di ricerca, alle e-mail rappresenta solo la punta di un immenso iceberg che affiora dal mare. Un mare molto più profondo di quello che pensiamo.
Questa parte di internet si chiama Surface Web, appunto web di superficie, comunemente definita anche Open Web, la rete aperta.
Tutto quello che invece è oscuro e nascosto è il Deep Web (Web profondo) e al suo interno c’è qualcosa di ancor più profondo: il Dark Web!
Come detto l’internet di superficie è quello a cui accediamo tutti i giorni e che viene costantemente mappato dai motori di ricerca (Google, DuckDuckGo, Starpage, Ecosia, Qwant, AOL Serch, Yahoo…).
Il Deep Web invece è quella parte non indicizzata dai motori, per cui non la si può trovare facilmente…
Le stime parlano chiaro: il Surface Web rappresenta il 5%, il Deep Web circa il 90% e il Dark Web il 6%. Quindi paradossalmente la parte non raggiungibile del World Wide Web (il famoso www) è circa il novanta per cento. Non so se vi rendete conto della portata di tale situazione! L’internet che conosciamo e che sappiamo essere infinito: stramiliardi di pagine web e siti, rappresenta solo un miserrimo cinque per cento del totale!

Deep Web
Entriamo adesso in profondità…
Per molti contenuti del Deep Web, se ne si conosce l’indirizzo vi si può accedere con un normalissimo programma browser di navigazione: Firefox, Chrome, Brave, Edge, Opera, Safari, ecc.
Qui le pagine possono anche essere indicizzate dai motori di ricerca (anche se nella maggior parte dei casi manca una indicizzazione) ma non è possibile accedere al loro contenuto se non con account dedicati. Rientrano in questo caso i siti di home banking, la pagina personale di PayPal, Amazon, ecc. Quindi si accede con un link e un account personale.

Dark Web
Ora scendiamo ancora più in profondità per entrare nel Dark Web. Si tratta di un sottoinsieme come abbiamo detto del Deep Web e rappresenta il calderone che contiene tutti i siti web che offrono i loro contenuti attraverso un indirizzo IP nascosto (che non permette di individuare facilmente il proprietario del sito) e che sono accessibili soltanto attraverso una rete specifica chiamata Onion.
Secondo i ricercatori della NASA il Dark Web conta decine di migliaia di indirizzi URL, pochissimi se confrontati alla grandezza della Rete che conta trilioni di URL.
Qui sono presenti contenuti nascosti alla vista non solo dei motori di ricerca, ma anche delle forze di polizia, ed è possibile trovare qualsiasi cosa illecita scambiata e/o venduta in totale anonimato.

Come detto le pagine hanno il dominio .onion e sono ospitate su server che utilizzano il protocollo Tor, sviluppato in origine dal dipartimento della difesa americana per le comunicazioni anonime e sicure. Questo nel 2004 è diventato di dominio pubblico e al momento attuale è un interessante strumento per proteggere la privacy. Da tale anno in poi è cresciuto all’interno del Dark tutto un mercato nero di droghe, armi, gioielli, psicofarmaci, organi umani, carte di credito, documenti di identità, pornografia, per arrivare perfino alla possibilità di affittare un killer o un bambino…
Va precisato che non si tratta sempre di traffici illegali! Un paio di anni fa delle ricercatrici di Terbium Labs, analizzando il Dark Web, sono giunte alla conclusione che neppure la metà dei siti da loro analizzati erano legali: il 45% riguardava il commercio di droga, l’11,9% quello di farmaci, un 4,6% ciascuno aveva a che fare con frodi e hacking.

Quindi oltre alle cose illegali ci sono anche realtà che sfruttano l’assoluta privacy per scambiare in sicurezza dati, informazioni, ecc.

Come accedere al Dark Web
Detto questo, la domanda più frequente è: come si accede alla zona più oscura del web?
Lo si può fare solo tramite specifici programmi che consentono agli utenti la navigazione anonima, in grado quindi di proteggere la propria identità e la privacy. Questi siti con dominio .onion non vogliono essere trovati per cui è necessario prendere serie precauzioni prima di andare a “sbirciare” e metterci il naso. Digitando infatti un qualunque dominio .onion nella barra degli indirizzi di un classico browser per la navigazione il sito corrispondente non risulterà raggiungibile.

Per accedere è necessario disporre di uno speciale browser come Tor (acronimo di The Onion Browser) in grado di stabilire una connessione sicura e cifrata sulla rete Tor Browser (disponibile per Windows, MacOS, Linux e anche dispositivi mobili come gli smartphone), oppure I2P e FreeNet. Quest’ultima è una rete libera e accessibile a tutti in grado di mascherare l’IP di partenza di qualsiasi utente, in maniera del tutto simile ad una VPN (anche se con prestazioni inferiori).
Oltre a nascondere la connessione degli utenti, la rete Tor offre accesso alla parte del dark web.
Esistono motori di ricerca specifici che aiutano ad orientarsi nel Dark Web, come per esempio: Onion.City; Onion.to, Not Evil, Onion Web Search e Torch.

I pericoli del Dark Web
Fin qui tutto abbastanza curioso e intrigante, ma attenzione perché navigare sul dark web in maniera sprovveduta è assai pericoloso: basta un clic sbagliato per commettere un crimine o per trovarsi in un mare di guai. Oltre alla navigazione il web oscuro è pericoloso anche per la mole di informazioni che vi circolano all’interno, di cui spesso siamo vittime inconsapevoli. Uno di questi è il classico furto di identitàMolti utenti infatti che subiscono un attacco informatico (malware, phishing o furto d’identità) rischiano di vedere le loro informazioni rivendute proprio sul dark web. Qui infatti sono disponibili milioni di database di dati trafugati illegalmente contenenti username, password, indirizzi email, numeri di telefono e molto altro ancora e sono sempre di più i malintenzionati interessati a questa grande mole di dati.
L’unico modo per proteggersi dalla fuga di informazioni e dal furto d’identità è utilizzare una suite di sicurezza dotata di analisi del dark web. Le aziende di sicurezza informatica che offrono questo servizio scansionano periodicamente il web oscuro alla ricerca di informazioni associabili ai clienti paganti, inviando un avviso quando uno dei clienti è rimasto esposto e segnalando quali sono gli account a rischio “hacker”.

Continua a leggere DEEP WEB E DARK WEB…..

CELLULARI SICURI?

Cellulari sicuri? Ecco gli smartphone con Linux

Marcello Pamio 13 settembre, 2022
Sicurezza e cellulare è un ossimoro. Non appena ci connettiamo in Rete i pericoli sono dietro l’angolo. I nostri dati stanno diventando sempre più vulnerabili, e la responsabilità è solo nostra!
Alcuni sistemi operativi non prestano sufficiente attenzione alla privacy e i virus sono diventati sempre più potenti. Ecco perché è importante scegliere sistemi operativi che offrano la massima privacy. E quando si parla di sicurezza non può non saltare fuori il pinguino. Non mi riferisco a quello che ha trasportato i primi diserbanti genici sperimentali…
Prima però di optare per un telefono con Linux va tenuto in considerazione che si perderà l’accesso ad applicazioni come Google Foto, Instagram e Facebook (non a caso le app più deleterie per la privacy), dall’altra però ci potranno essere delle applicazioni alternative con le stesse funzionalità, anche se meno semplici da usare: è lo scotto della sicurezza!
Oltre alla privacy ci sono dei validi motivi per acquistare un telefono con Linux.
Innanzitutto i telefoni “normali” sono quasi sempre bloccati dai produttori a livello di firmware e di istruzioni di avvio. Se li sblocchi per installare altri sistemi operativi ne invalidi la garanzia e ciccia. L’altra cosa molto importante è nella maggior parte degli smartphone non si può estrarre la batteria, e questo è voluto perché così non si spengono mai realmente (rimando sempre potenzialmente attivi) e spesso sono progettati per rendere impossibili o quasi le riparazioni.
Non possono evitare che algoritmi di intelligenza artificiale imparino tutto di noi (profilazioni), ed è impossibile disattivare microfono o telecamere quando non vengono usati. Problema serio, visto che non possiamo evitare che applicazioni che non stiamo usando siano comunque attive (in ascolto per esempio da remoto)…
Per questi e altri motivi ecco delle alternative di dispositivi con il sistema operativo GNU/Linux preinstallato e preconfigurato. Attenzione non è una recensione perché ovviamente non sono stati testati: sono solo suggerimenti dedicati a tutte le persone sensibili alla privacy e alla libertà…——————————————————

PinePhone

PINE64 è una “piattaforma comunitaria”. La società che sviluppa hardware di PC, tablet e smartphone, coinvolge la comunità in ogni fase di realizzazione del dispositivo. Dalle caratteristiche hardware allo sviluppo del software: chiunque può partecipare contribuendo con idee, suggerimenti, richieste di caratteristiche aggiuntive e migliorie. E questo è molto interessante.

Ecco i due modelli:

– PinePhone Beta edition del 2021 è molto economico e collaudato.
Le caratteristiche però sono minimaliste: quad core Cortex-A53, 2GB di RAM e una memoria interna da 16 GB (espandibile con MicroSD). Manca la messaggistica SMS e fotocamera scadente.
Costa meno di 150€

– PinePhone PRO è dotato di un processore più potente e veloce con sei core, 4 GB di RAM e una memoria interna da 128 GB. E può gestire gli SMS.
Costa 399 dollari oltre alle spese di spedizione.

In questi modelli si possono installare fino a 17 sistemi operativi, ma la versione preinstallata è PostMarket OS. Essendo alimentato da Linux i dati saranno in mani sicure.

Interruttori hardware nel vano batteria

Una delle caratteristiche più interessanti di questi smartphone è la possibilità di estrarre e sostituire la batteria! Non solo, ma nel vano della batteria si trovano diversi interruttori fisici che consentono di attivare e disattivare fotocamera, wifi, GPS, bluetooth, microfono, connessione dati, altoparlanti e jack audio. Questo è il massimo livello di privacy e sicurezza perché staccando direttamente l’hardware nessuna applicazione sarà in grado di guardarci e/o ascoltarci…——————————————————

Librem 5

Librem 5 è il primo smartphone di Purism. Anche in questo caso è possibile la rimozione e sostituzione della batteria ed è dotato di interruttori hardware, posti ai lati della scocca, per disattivare microfono, fotocamere e connettività.

Interruttori hardware sul fianco del cellulare per disattivare microfono, telecamera e connettività

Libertà, privacy e sicurezza sono i punti chiave dello scopo sociale di Librem.
Addirittura i chip WiFi/Bluetooth e Modem sono indipendenti e fisicamente rimovibili dalla scheda madre! Una modularità eccezionale che rende molto più lunga la vita del Librem rispetto a qualunque altro telefono progettato per essere sostituito dopo un paio di anni.
Lo smartphone è rilasciato con PureOS basato su Debian.
Il prezzo è di 1299 dollari e le caratteristiche sono di medio livello: Processore i.MX8M (Quad Core) da 1,5 GHz, display da 5,7″ 720 x 1440, memoria RAM da 3 GB, spazio da 32 Gb, batteria da 4500 mAh e una scheda grafica per rendering 3D fluido.
Fotocamere frontale da 8 Mpixel, quella dietro da 13 megapixel——————————————————

Pro 1 X

E’ uno smartphone con caratteristiche di alto livello e tastiera QWERTY fisica.
Viene rilasciato con LineageOS preinstallato e pronto all’uso, ma si possono scegliere altri sistemi operativi, infatti è equipaggiato con due dei sistemi operativi mobili più aperti e liberi sul mercato: LineageOS e UBPorts, precedentemente conosciuto come Ubuntu Touch.
Se la priorità è la privacy, allora si consiglia vivamente di utilizzare Ubuntu Touch.
Pro 1 X sfoggia un chip Qualcomm Snapdragon 835 octa-core insieme alla grafica Adreno 540, con 6 GB di RAM e 256 GB di spazio di archiviazione.
Una delle migliori caratteristiche di questo telefono è il display AMOLED Gorilla Glass 3 da 5,99 pollici. C’è anche un lettore di impronte digitali sul lato del telefono in modo che nessuno possa accedere al telefono.
L’unica pecca è la batteria non rimovibile e di soli 3.200 mAh, quindi il dispositivo potrebbe non durare molto a lungo per carica.
Costa circa $ 650.——————————————————

Volla Phone

Prodotto da Gigaset con due modelli Volla Phone X e Volla Phone.
Viene fornito con Volla OS, una versione modificata di Android, dichiarata Google-free.
Tutte le applicazioni principali del sistema operativo sono state rimpiazzate da versioni riscritte e totalmente open-source. Senza alcuna dipendenza da Google, dai Play Services, dalla necessità di avere un account.
Il dato più importante che riguarda i dispositivi Volla è la partnership con UBPorts, il team di che si è preso carico di portare avanti il progetto già noto come Ubuntu Touch.
Le caratteristiche tecniche dovrebbero garantire buona velocità e reattività del dispositivo. Fotocamere Sony, sensore di impronte, memoria di 64 GB espandibile con schede fino a 512 GB sono le caratteristiche di questi telefoni interamente assemblati in Europa.
Fotocamera da 16 megapixel con sensore secondario da 2 megapixel,
camera-selfie da 16 megapixel, batteria da ben 5000 mAh con ricarica veloce e sensore per la lettura impronte.

Volla Phone costa 359 euro, mentre il Volla Phone X 449 euro.——————————————————

L’elenco per ovvi motivi non è completo, e sempre in via di sviluppo.
Per maggiori informazioni

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

I 5 migliori telefoni Linux per la privacy nel 2020

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Continua a leggere CELLULARI SICURI?

Il senso biologico della pelle.

Il senso biologico della pelle

Marcello Pamio – 28 luglio 2022

La pelle è il rivestimento più esterno del corpo di un vertebrato. Nei mammiferi e quindi nell’essere umano è indubbiamente l’organo più esteso, coprendo una superficie di circa 2 m².
Serve da protezione per i tessuti sottostanti (muscoli, ossa, organi) dai fattori esterni e dalla penetrazione dei microbi. Regola la temperatura corporea ed è impermeabile all’acqua, ma lascia passare alcune sostanze utili.
La pelle si compone di due strati: uno esterno, sottile, senza vasi sanguigni, chiamato epidermide e l’altro interno molto più spesso, con numerosi vasi sanguigni e terminazioni nervose chiamato derma.

Dal punto di vista biologico tutte le cosiddette malattie della pelle sono collegate con uno dei due precisi vissuti/percepiti: “separazione da” o “contatto sgradito con”.
Per cercare l’origine del conflitto, di solito non serve andare tanto lontano dalla famiglia, dal clan e dal proprio territorio (figli, genitori, partner, amici, colleghi di lavoro, ecc.), ma quando si manifesta il “problema” siamo “lacerati nella pelle”!
La parte cerebrale interessata e connessa con l’epidermide è la corteccia sensoriale: la parte del cervello che si è sviluppata per ultima proprio per gestire nel corso dell’evoluzione le relazioni, l’identità e il territorio. Nel dettaglio il cervello adibito all’organizzazione del branco/famiglia e alla capacità di esprimere un legame sociale ed emozionale attraverso il con-tatto della pelle!

Separazione da qualcun
In Natura la separazione da qualcuno è un evento emozionalmente molto stressante. La separazione dal branco o da qualcuno di specifico all’interno del branco è una condizione seria. E proprio per questa emergenza la corteccia attiva un Programma Speciale Biologico e Sensato (PSBS) per assistere l’organismo nell’affrontare l’evento traumatico.
Questo programma speciale sarà sistematicamente etichettato come malattia o sintomo: dermatite, dermatosi, eczema, psoriasi, herpes, ecc.

Contatto sgradito
Anche il contatto sgradito (persona, sostanza tossica, chimica, ecc.) per il cervello è una condizione emergenziale che necessita l’intervento del programma specifico…

Conflitto attivo
Durante la fase di conflitto attivo, cioè fintantoché viviamo la “separazione” o il contatto non desiderato la pelle riduce la sua funzione, si ulcera, quindi perde cellule epidermiche causando una leggera e spesso non percepibile diminuzione della sensibilità al tatto.
Si tratta di una speciale “paralisi sensoria”: una forma naturale di protezione da ulteriori traumi di questo genere. Se infatti siamo separati o il contatto non ci è gradito, non possiamo subire un altro conflitto!
La conseguenza di tale perdita cellulare è che la pelle diventa più secca, rugosa e potrebbe anche leggermente squamarsi. Ma non sono sintomi che preoccupano le persone. Si beve di più e si usano creme per ridurre la secchezza. Non si tratta però di un problema idrico: è un programma speciale che procede senza la consapevolezza del soggetto…

Conflitto risolto
La risoluzione del conflitto è il punto di svolta!
Una volta ritrovato infatti il “contatto mancante”, o distaccati da quello sgradito, istantaneamente la pelle inizia a ricostituire e ripristinare le aree ulcerate con nuove cellule epiteliali. Durante questo processo di riparazione la pelle si infiamma, inizia a prudere e anche a gonfiarsi! Sintomi che allarmano ed è proprio a questo punto che l’ars medicandi ha raggiunto la maestria nell’inventare i nomi più disparati. Da questo momento in poi il medico inizierà a parlare di eczema, dermatite, acne rosacea, orticaria…
Nomi diversi che indicano la stessa situazione: la risoluzione di un conflitto!
Dal punto di vista biologico infatti tutti questi sintomi sono estremamente positivi perché indicano il processo di guarigione, indicano che la Natura sta facendo il suo corso.
A questo punto possiamo fare tanti danni intervenendo…

Malattie croniche
Quando si parla di una malattia “cronica” della pelle significa che la fase di guarigione non può essere completata per continue recidive conflittuali.
Le recidive non permettono alla Natura di proseguire nel suo magistrale decorso. Non è raro vedere persone che convivono anni o decenni con un problema di pelle senza mai risolverlo.

Come mai le malattie della pelle sono in crescita?
Tutte le “attivazioni” della pelle (PSBS) sono in crescita esponenziale nella nostra società, specialmente tra i bambini.
Non è così difficile per un giovane soffrire di conflitti di “separazione”: quando nasce un fratellino che porta via le attenzioni del clan; quando la mamma deve tornare a lavorare; quando c’è paura che i genitori lo lascino da solo o si separino…
Per non parlare del disastro sociale che sono riusciti a creare negli ultimi due anni e mezzo con le folli regole del distanziamento e della museruola. Educare un bambino facendolo crescere con le delinquenziali idee che il distanziamento, il non toccarsi è normale; che la museruola aiuta e protegge; tutto ciò significa minare un sano sviluppo della corteccia frontale: il cervello deputato al con-tatto, alle relazioni sociali, all’identità e al territorio.
Questi bambini che adulti diventeranno? Uomini corrotti con problemi relazionali gravissimi!

Lateralità biologica
I disordini della pelle che compaiono in precise aree del corpo hanno un significato o sono casuali?
Per il cervello è importantissimo riuscire a stabilire da dove arrivano i problemi nella gestione delle relazioni: se da destra oppure da sinistra.
Ecco che il cervello posiziona i mammiferi del clan e del territorio in un lato specifico e mai casuale del corpo.

Uomo e donna destrimani:
– Lato destro: partner, papà e tutti i pari (fratelli, sorelle, colleghi, ecc.)
– Lato sinistro: linea germinale (mamma e figli)

Uomo e donna mancini:
– Lato destro: linea germinale (mamma e figli)
– Lato sinistro: partner, papà e tutti i pari (fratelli, sorelle, colleghi, ecc.)

Quindi se un destrimane (uomo o donna) vive un conflitto di separazione da un figlio o dalla madre sarà colpita la parte sinistra del corpo, se invece il conflitto è con il partner o il padre (o uno dei pari: fratello, collega, ecc.) sarà colpita la parte destra. Per i mancini s’inverte tutto il discorso.
Tuttavia va detto a questo punto che il programma biologico sensato può avviarsi anche nel luogo dove la separazione viene percepita fisicamente (guance, addome o su qualsiasi parte dell’epidermide dalla quale la persona amata è stata “strappata via”).
Quindi c’è assolutamente una lateralità biologica che dipende dall’essere mancini o destrimani, ma c’è anche la zona dove viene percepita l’assenza di contatto!

Vediamo adesso le principali “attivazioni” della pelle dette anche “processi di fisiologia speciale”.

Dermatite
E’ un’infiammazione della pelle molto diffusa.
Foglietto embrionale: Ectoderma.
Cervello: Corteccia encefalica.
Conflitto: separazione da qualcuno o qualcosa con rabbia e rancore.
Va precisato che in questo caso anche un “contatto sgradito” con qualche sostanza considerata dal cervello pericolosa, tossica o sporca (chimica, ecc.) può attivare il PSBS

Dermatite

Senso biologico: la funzione della dermatite è riparare il tessuto epidermico ulcerato in fase attiva del conflitto. L’ulcerazione che si produce in pieno conflitto serve ad aumentare la sensibilità al contatto durante il percepito di separazione.

Eczema
E’ una infiammazione acuta o cronica della pelle con bruciore locale.
Foglietto embrionale: Ectoderma.
Cervello: Corteccia encefalica.
Conflitto: separazione (da una persona, animale od oggetto) e ci può essere anche la paura di rimanere soli. L’eczema è sempre un conflitto di separazione che però non guarisce perché non si comprende il processo. La separazione è sempre in relazione alla parte del corpo colpita

Eczema

Senso biologico: l’infiammazione che si produce serve a riparare il tessuto epidermico dopo una ulcerazione prodottasi nella fase di conflitto attivo.

Herpes Zoster
E’ una infezione che produce bolle nella pelle a forma di grappolo. In questo caso può colpire l’epidermide (la parte superiore della pelle) ma anche il derma (la parte inferiore) e può manifestarsi dappertutto: schiena, nuca, glutei, volto, cuoio capelluto o cornea.
Foglietto embrionale: Ectoderma e Mesoderma antico.
L’ectoderma segue l’andamento visto precedentemente: ulcerazione durante il conflitto di separazione e ripristino durante la risoluzione. Il mesoderma antico invece (controllato dal cervelletto) in fase di conflitto attivo sviluppa piccole proliferazioni cellulari e nella fase di riparazione c’è una infiammazione molto dolorosa (che segue il percorso dei nervi) che spacca l’epidermide!
Cervelli: Corteccia encefalica per l’ectoderma e cervelletto per il mesoderma antico.
Conflitto: contatto non desiderato, nel senso di un ordine o una costrizione che non si vuole compiere, o il compierla lascia un senso di sporcizia e rabbia. Accumulo di emozioni che non si possono esprimere

Herpes Zooster

Senso biologico: in questo caso il cervelletto (adibito agli attacchi) deve proteggersi da un qualcosa di esterno, da un contatto considerato sporco, sgradevole e magari anche violento.

Vaccini ed Herpes Zooster
Una piccola parentesi è obbligatoria per quello che stiamo vivendo in questo periodo storico.
La forzatura e l’obbligatorietà dei sieri genici sperimentali stanno indubbiamente incasinando il quadro biologico e microbiologico dell’essere umano. Non sapendo di preciso cosa le lobbies farmaceutiche abbiano realmente messo dentro questi sieri, possiamo essere certi che non vadano a squilibrare il microbiota, il microbioma, modificando flora, fauna, microrganismi e simbionti vari?
Dall’altra parte c’è l’attacco all’integrità! Che ci piaccia oppure no, l’ago della siringa, per quanto mentalmente accettabile, non è biologico. I programmi speciali, biologici e sensati hanno milioni di anni e quando qualcosa taglia o buca la pelle il cervelletto lo potrebbe vivere come un “attacco” esterno alla propria integrità, attivando il derma…
Siccome il cervelletto gestisce e controlla il foglietto embrionale (mesoderma antico) da cui originano tutte le pelli interne di protezione (derma, pleura, pericardio, peritoneo, ghiandola mammaria, meningi), è deputato alla “protezione”! Ora potete spiegarvi l’origine delle pleuriti, delle perdicarditi, ecc. Attacco in loco.
E se l’attacco fosse causato da un inoculo forzato di un vaccino? Potrebbe il cervello attivare il derma, alla cui risoluzione i medici danno il nome di herpes zooster? Potrebbe essere questa una possibile spiegazione del recentissimo aumento pandemico dell’herpes?
La zona colpita indica il simbolismo. Herpes zooster nel lato destro del fianco, indica partecipazione delle vie biliari quindi “attacco con rabbia rancore”…

Orticaria
E’ una affezione cutanea che provoca prurito e bruciore con lesioni cutanee edematose e rossastre.
Foglietto embrionale: Ectoderma.
Cervello: Corteccia encefalica.
Conflitto: separazione con perdita di contatto ma in questo caso c’è anche una tonalità di repulsione e irritazione. E’ sempre in relazione diretta con la zona colpita e la sua simbologia.
Separazione che minaccia l’integrità, con ripugnanza e rifiuto. Paura vissuta in modo fisico con contatto. Contatto non desiderato che irrita. “Mi sento lontano dalle mie aspettative, sono deluso”. “Mi sento rifiutato”..

Orticaria

Senso biologico: è un segnale importante di avviso e di allarme con irritazione. Qualcosa ci brucia nel contatto ed è il motivo per cui vogliamo distaccarci. Contatto irritante che deve essere respinto!

Prurito
Sensazione di pizzicore, formicolio o irritazione della pelle, che comporta il desiderio quasi morboso di grattarsi.
Foglietto embrionale: Ectoderma.
Cervello: Corteccia encefalica.
Conflitto: separazione da una situazione/rapporto che provoca piacere (relativo al tatto, ad essere toccati, accarezzati, coccolati, ecc.). Mancanza di contatto con le emozioni relative alla specifica area corporea. Se c’è la bilirubina alta nel sangue, allora con il conflitto di separazione c’è anche rancore e ingiustizia (vie biliari).
Senso biologico: segnale d’allarme come il dolore, ma in un contesto di bruciore e calore. Compare per via della stimolazione delle terminazioni nervose epidermiche e pertanto è sempre associato al contatto o separazione.

Psoriasi
E’ una dermatosi che provoca irritazione e arrossamento della pelle, con squame di color bianco.
La difficoltà nella psoriasi sta nel fatto che si è di fronte ad un binario: un doppio conflitto!
Un doppio conflitto di separazione e/o contatto sgradito. E’ come se il cervello volesse il contatto ma contemporaneamente lo volesse evitare, quindi mentre la zona colpita sta guarendo riparte l’attivazione.
Foglietto embrionale: Ectoderma.
Cervello: Corteccia encefalica.
Conflitto: doppio di separazione con contatto sgradito magari obbligato.
Un conflitto di separazione da noi stessi (dalla propria identità) insieme ad un conflitto di contatto obbligato: “Non posso essere me stesso e in più devo rimanere con…”.
Affinché si produca la psoriasi sono necessari due conflitti, uno attivo e l’altro in fase di riparazione (due avvenimenti distinti). In questo caso compaiono le placche della psoriasi.
La psoriasi compare quando uno dei due conflitti è in guarigione o riparazione e l’altro è attivo.
Nella fase attiva c’è desquamazione, mentre nella fase di riparazione c’è arrossamento. Le due fasi si sovrappongono nella stessa zona e formano la psoriasi

Psoriasi

Senso biologico: protezione da una doppia separazione. La pelle diventa una corazza protettrice, pertanto si ha paura di essere feriti. Dobbiamo sentire il contatto per strutturarci bene nella vita, e non lo sentiamo (separazione). È un conflitto biologicamente molto importante.

Vitiligine
Si tratta dell’assenza, totale o parziale di melanociti nella pelle: la pelle diventa bianca
Foglietto embrionale: Ectoderma.
In fase di conflitto attivo c’è ulcerazione con riduzione di funzione, defunzionalizzazione dei melanociti, depigmentazione. In riparazione c’è arrossamento e infiammazione. Repigmentazione cutanea.
Cervello: Corteccia encefalica.
Conflitto: sporcizia, mancanza di luce, mancanza del padre o della funzione paterna. Spesso è un conflitto di separazione brutale, violenta da una persona cara (morte o separazione dal padre). Considerare sempre la parte del corpo in cui compare

Vitiligine

Senso biologico: permettere maggior entrata di luce attraverso la pelle. La melanina è collegata all’appartenenza ad un ceppo etnico ed alla regione geografica sua tipica.

Per approfondimenti

Pelle – attivazioni biologiche” di Giorgio Beltrammi
http://www.attivazionibiologiche.info/dizionario/pelle.html

Capire le malattia della pelle”di Giorgio Beltrammi
http://www.attivazionibiologiche.info/articoli/Malattie-della-pelle.html

Continua a leggere Il senso biologico della pelle.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi